-  [WT]  [Home] [Manage]

[Indietro] [Visualizza tutto] [Ultimi 50 post]
Modalità post: Risposta
Name
Email b i u s sp
Soggetto   (risposta a 1486)
Messaggio
File
URL File
Embed  
Password  (per cancellare post e file)
  • Tipi di file supportati: GIF, JPG, PNG
  • Massima dimensione del file 4000 KB.
  • Le immagini più grandi di 250x250 pixel saranno ridimensionate.
  • Ci sono 1188 post unici. Vedi catalogo

  • Blotter aggiornato il: 2017-10-11 Vedi/Nascondi Vedi Tutti

File 139291808016.jpg - (48.61KB , 500x600 , Meditator2.jpg )
1486 Num. 1486
Si dice che una persona qualsiasi abbia 60.000 pensieri al giorno in media. Probabilmente la maggior parte di questi pensieri viene ripetuta durante ogni giornata, e non abbiamo coscienza nel controllare ciò che pensiamo. La nostra mente è molto rumorosa.
>> Num. 1496 quick reply
ma dobbiamo andare verso i pensieri o zittirli?
Spesso mi hanno detto la seconda, ma molti anche la prima, per meditazione, ecc..
>> Num. 1497 quick reply
Zittire i pensieri significa rilasciarsi dal "piano materiale" ed è davvero difficile. Ci riusciamo, in parte, mentre dormiamo. E ci riesce chi sa meditare.

Chiunque può meditare, ma richiede pazienza, costanza e volontà

Fatto sta che la mente umana è meravigliosa
>> Num. 1499 quick reply
>>1496
Ma voi per pensare intendente "concretizzare" il pensiero dicendolo mentalmente o cosa?
Vi è mai capitato di stare a pensare a qualcosa, non riuscire a concludere il pensiero proprio perché vi mancavano le parole ma in mente avevate già tutto, nel senso che non c'era bisogno di concludere la verbalizzazione mentale del messaggio?

Tutto questo perr dire che a volte sì, cerco di zittire la mente, ma per ragionare non c'è per forza bisogno di "sentire" il pensiero.

Dopotutto i sordomuti come fanno? Non pensano? O pensano a gesti lol?
>> Num. 1501 quick reply
Il problema è che noi pensiamo esista un solo tipo di pensiero, quello logico-vocalizzato (la "voce nella testa" o un immaginario interlocutore che ci dice le cosine che vogliamo sentirci dire - protip, se ti dice cose che non vuoi sentirti dire, vai da un medico).
Il pensiero è un processo cognitivo, ciechi e sordomuti hanno processi formalmente diversi dai nostri, in alcuni casi anche totalmente alieni (leggete i bei libri divulgativi di Sacks in merito sono illuminanti).
Abbiamo il potere di dare al nostro pensiero la forma che vogliamo, anche una forma senza forma (vedi meditazione buddhista). La meditazione in generale tende a irrigirire il pensiero su una cosa sola (o a rilassarlo sul niente, ma in termini più generali sono due facce dello stesso processo neurale).
>> Num. 1505 quick reply
>>1499
Anche quello può essere zittito. Ed ovviamente non è altrettanto facile, ed ovviamente è qualcosa di molto più avanzato che riesce a pochi. Solo una volta sono uscito da una meditazione senza ricordare sul momento come mi chiamavo e in che momento della giornata mi trovassi.
[Indietro] [Thread intero] [Ultimi 50 post]


Cancella post []
Password  
Segnala post
Motivo