-  [WT]  [Home] [Manage]

[Indietro] [Visualizza tutto] [Ultimi 50 post]
Modalità post: Risposta
Name
Email b i u s sp
Soggetto   (risposta a 17905)
Messaggio
File
URL File
Embed  
Password  (per cancellare post e file)
  • Tipi di file supportati: GIF, JPG, MP3, PNG, WEBM
  • Massima dimensione del file 6000 KB.
  • Le immagini più grandi di 250x250 pixel saranno ridimensionate.
  • Ci sono 965 post unici. Vedi catalogo

  • Blotter aggiornato il: 2017-10-11 Vedi/Nascondi Vedi Tutti

File 161332623713.jpg - (598.02KB , 1467x2204 , 91JTDiBPWAL.jpg )
17905 Num. 17905
Ho iniziato a leggere "Il viaggio in occidente", edizione Luni.

Allora, la cosa che mi ha sorpreso è che il protagonista è Scimmiotto (Sun Wukong). Prima di leggerlo pensavo che il protagonista fosse il monaco. Devo dire che ha senso, Scimmiotto è divertente e vitale, è giusto che sia lui il protagonista.
La storia funziona, scorre bene e non annoia anche se è abbastanza ripetitiva (anche per la lunghezza, 1600 pagine si sentono). Ho qualche dubbio sulla traduzione, sia perché a volte ci sono dei "cazzo" che mi sembrano strani in un opera del genere, sia per certi termini. Ad esempio, in un punto si usa il termine "burino", che a me sembra troppo romano. Campagnolo, provinciale, sarebbe stato meglio imho.

Io però ho un problema grosso con la storia. C'è una vena di cattiveria e crudeltà mica da ridere. Nel capitolo 32 Scimmiotto rapisce i figli di un mostro e di una principessa, e li fa uccidere. Il problema non è neanche questo, è che a nessuno frega un cazzo. Nessuno piange, tutto scorre via. La vita non vale un cazzo. Lo so che in tante storie occidentali l'eroe uccide un mostro però è diverso.

Boh, quando finisco il primo volume vi aggiorno.
>> Num. 17910 quick reply
>La vita non vale un cazzo
Non stai leggendo un manga shonen. Non conosco la circostanza ma se la bertuccia ha fatto questo deve essere per un qualche motivo più o meno legittimo.
Per non contare le differenze morali fra la mentalità medievale e odierna, vai a vedere le versioni originali di molte favole famose (cenerentola, cappuccetto, 3 porconi, e compagnia brutta) trovi cose assurde. Nell'originale bella addormentata il principe azzurro l'addormentata se la scopa e la impregna. Lei si sveglia, viene a sapere che ha avuto un figlio da un nobile, e lei è "fiko, c'ho un figlio principe, evvai!"
A parte questo, da quanto ne so, i compagni del monaco, la scimmia e un porco se non ricordo male, sono praticamente due criminali che il monaco tiene al guinzaglio (specialmente Goku) per riabilitarli. Al punto che spesso il macaco deve essere torturato con una sorta di corona che gli stringe il cranio quando fa troppe cazzate.
Per la traduzione è un argomento vecchio come il mondo. Il linguaggio deve scorrere naturale nella lingua in cui viene tradotto. E alcuni adattamenti sono destinati ad essere alquanto pesanti a causa delle vastissime differenze di linguaggio e anche di esprimere gli argomenti che ci sono fra le lingue asiatiche ed europee.
>> Num. 17947 quick reply
L'ho scaricato 15-20 anni fa da liberliber durante il mio periodo orientale. Penso di aver letto poche pagine prima di mollarlo per noia e perché era scritto male.

Qualche anno fa hanno fatto i film. Ne ho visti un paio, ma la recitazione, la CGI e la storia erano talmente brutti che li ho cancellati dalla memoria.
>> Num. 17948 quick reply
>>17910
Che le fiabe europee siano anche violente e ripugnanti per la nostra morale moderna sono d'accordo. Mi rendo conto che in passato la morte era così comune che uno la prendeva come normale.
Però nelle fiabe nostre la morte comunque è una cosa importante, un punto di svolta, e i bambini li toccano solo i mostri.

Poi, chiedo perdono all'imperatore di giada e a tutti quanti, ma il monaco (Tripitaka) è un coglione.
[Indietro] [Thread intero] [Ultimi 50 post]


Cancella post []
Password  
Segnala post
Motivo