-  [WT]  [Home] [Manage]

[Indietro] [Visualizza tutto] [Ultimi 50 post] [Primi 100 post]
Modalità post: Risposta
Name
Email b i u s sp
Soggetto   (risposta a 17673)
Messaggio
File
URL File
Embed  
Password  (per cancellare post e file)
  • Tipi di file supportati: GIF, JPG, MP3, PNG, WEBM
  • Massima dimensione del file 6000 KB.
  • Le immagini più grandi di 250x250 pixel saranno ridimensionate.
  • Ci sono 965 post unici. Vedi catalogo

  • Blotter aggiornato il: 2017-10-11 Vedi/Nascondi Vedi Tutti

File 160907304597.jpg - (93.20KB , 600x996 , IMG-20201209-WA0010.jpg )
17673 Num. 17673
Come mai non c'è un film o una serie figa sull'universo di Lovecraft?
Ho visto Lovecraft country ma alla fine la serie era solo incentrata su negri, razzismo e magia e aveva veramente poco di Lovecraft. Le premesse erano buone, infilare dentro negri e razzismo ci può anche stare, pure il protagonista negro mi sta bene, però la storia dovrebbe essere incentrata sugli orrori cosmici e non su negri contro bianchì, che poi in un contesto dove questa cosa del noi contro loro viene esarcebata così tanto non ci vedo così tanta positività anzi...

Comunque perché non c'è nessuno che parli di grandi antichi e cthulhu in una produzione a budget elevato? Del resto i lavori di Lovecraft non sono neanche più sotto copyright, quindi dov'è il problema?
>> Num. 17675 quick reply
Benvenuto nell'ano corrente. Dove tutto DEVE sempre essere "poveri negri" e "uomini merda" specialmente se bianchi. E speriamo che sia la volta buona che l'anno nuovo se lo porta via con tutte le sue emorroidi "social justice/feminazi". Queste sono proprio le cazzate che hanno portato ai vari "gate" (gamer/comic...).
Che poi in realtà lovecraft col tempo ha quasi completamente abbandonato le sue convinzioni razziste. Ammettendo che la convivenza con negri "civilizzati e ben integrati" era più che possibile, e finendo con lo sposarsi con una ebrea. Quindi potremmo definire il razzismo di lovecraft come la sua fase edgy di gioventù.
>> Num. 17676 quick reply
>>17675
E soprattutto è qualcosa che non traspare affatto dai suoi racconti poichè lovecraft, così come tutte le persone con un cazzo di neurone attivo, discerneva la sua fiction e il fantastico, dalle sue convinzioni politiche e gli eventi reali. E lui a differenza degli autori e scrittori "SJW" non considerava i suoi racconti come uno strumento di indottrinamento politico. O più in generale non considerava l'idea da malato mentale e paranoico cinese che qualsiasi racconto non può essere altro che indottrinamento politico. E perciò se la tua narrativa non mira a lanciare messaggi e ideologie SJW/comuniste/feminazi allora l'unica alternativa possibile, senza eccezzioni, è che sei un nazista che odia le donne.
[Indietro] [Thread intero] [Ultimi 50 post] [Primi 100 post]


Cancella post []
Password  
Segnala post
Motivo