-  [WT]  [Home] [Manage]

[Indietro] [Visualizza tutto] [Ultimi 50 post] [Primi 100 post]
Modalità post: Risposta
Name
Email b i u s sp
Soggetto   (risposta a 17582)
Messaggio
File
URL File
Embed  
Password  (per cancellare post e file)
  • Tipi di file supportati: GIF, JPG, MP3, PNG, WEBM
  • Massima dimensione del file 6000 KB.
  • Le immagini più grandi di 250x250 pixel saranno ridimensionate.
  • Ci sono 965 post unici. Vedi catalogo

  • Blotter aggiornato il: 2017-10-11 Vedi/Nascondi Vedi Tutti

File 160666386410.jpg - (36.43KB , 620x350 , da0a7bb45fce5bec361d550af113dfc5.jpg )
17582 Num. 17582
Dai su spiegatemi perché la sceneggiatura di questo film non è una gran puttanata che forza terribilmente la situazione del protagonista
È così forzata che io nel finale mi aspettavo che si scoprisse essere un qualche complotto nei suoi confronti tipo che la direttrice dell'asilo era in guai finanziari e doveva licenziare lui per non perderci troppo e ha colto la palla al balzo cercando di farlo accusare così da poterlo licenziare per giusta causa e costituirsi parte civile per ottenere un risarcimento
>> Num. 17583 quick reply
È piuttosto palese che non sei mai uscito dalla cameretta, perché le dinamiche descritte nel film sono assolutamente realistiche -persino troppo gentili. Come credi sia possibile che la vita di uomini innocenti venga costantemente devastata da accuse senza fondamento?
Ti assicuro che capita di continuo: le persone sono benpensanti, timorose del diverso, meschine, pronte a scambiare la gentilezza per viscidume e l'attenzione per stalkeraggio.

Tutti vogliono essere i buoni, OP, ma la strada della bontà è faticosa; se credono che tu sei il cattivo, potranno sentirsi soldati del Bene senza neanche doversi muovere di un passo.

Il film è una lucidissima analisi di fenomeni sociali che personalmente ho visto capitare tante di quelle volte che trovo francamente irritante che tu lo voglia attaccare su questo punto.
Non c'è nessuna persecuzione forzata, tant'è vero che quando viene messa in gioco la polizia quella becca la verità in quattro e quattr'otto -anzi questo potresti considerarlo irrealistico!
Il finale è perfetto perché concilia tanto il bisogno di una risoluzione positiva, della luce in fondo al tunnel che qualora mancasse renderebbe il film un palloso pistolotto di critica sociale senza sbocchi, quanto il reminder che alla gente la verità non interessa e dovrai passare la vita a guardarti le spalle.
>> Num. 17584 quick reply
>>17583
Quello che dici potrebbe funzionare se lui fosse stato un maestro relativamente nuovo che non conosceva molta gente e che magari stava pure sul cazzo a qualcuno, e se avessero aggiustato il tiro su alcune cose
Ma invece è benvoluto da tutti e la maggior parte delle persone coinvolte sono suoi amici, però tutti non solo lo considerano colpevole all'istante solo per sentito dire ma c'è anche chi si mette di impegno a metterlo nei guai ancora di più, le persone non funzionano così

Se tu avessi un tuo amico di infanzia che sai essere buono e puro fino al midollo e senti dire dal suo vicino di casa che ha visto uno che somigliava a lui rubare una macchina tu cosa fai?
a) Lo vai ad acchiappare di persona per lapidarlo in pubblica piazza aizzando la folla contro di lui dicendo "questo secondo me non è mica la prima macchina che ruba"
b) Vai da lui e gli chiedi dove era giorno X e gli spieghi che ha sentito il vicino dire quelle cose e poi senti la sua versione
[Indietro] [Thread intero] [Ultimi 50 post] [Primi 100 post]


Cancella post []
Password  
Segnala post
Motivo