-  [WT]  [Home] [Manage]

[Indietro]
Modalità post: Risposta
Name
Email b i u s sp
Soggetto   (risposta a 8439)
Messaggio
File
URL File
Embed  
Password  (per cancellare post e file)
  • Tipi di file supportati: GIF, JPG, MP3, PNG, SWF
  • Massima dimensione del file 4000 KB.
  • Le immagini più grandi di 250x250 pixel saranno ridimensionate.
  • Ci sono 649 post unici. Vedi catalogo

  • Blotter aggiornato il: 2017-10-11 Vedi/Nascondi Vedi Tutti

File 156040322181.jpg - (97.85KB , 801x771 , Cannabis-Addiction-Symptoms-Warning-Signs.jpg )
8439 Num. 8439
Ho un amico dipendente da thc. Ovviamente è anche dipendente dal tabacco.
Ha più di trent'anni, si è iscritto a lettere da tre anni, e da quando è entrato in una famosa associazione studentesca ha cominciato ad aumentare sempre più le dosi che fuma, tanto che, sei mesi fa, si è lasciato con la ragazza perché lei gli ha giustamente fatto presente che fuma troppo, e non vuole stare con un tossicodipendente. Lui ha stigrancazzato alla grande e ha preferito l'erba.
Ora, il problema non è che fumi, il problema è che non riesce più a stare al passo con la realtà, la nega completamente.
Mi spiego meglio: ha dato un esame in un anno.
Io gli ho fatto presente la cosa dicendogli: "Beato te che riesci a fumare e a studiare, io non ci riuscivo".
Ora, a parte che questo mio amico coglione ascolta pure la musica durante lo "studio", mi ha risposto: "ahah sì dopo che ho fumato sto più concentrato, studio meglio".
Risultato: segato ad un esame di lolstoriadell'arte a trent'anni passati.
Come faccio a fargli capire che ha un problema? Glielo sbatto in faccia? Del tipo "oh X, sei un tossico, smettila di farti le canne"?
Espandi tutte le immagini
>> Num. 8440 quick reply
Ha sfanculato la ragazza e di conseguenza sfanculera' anche te, lascia perdere.
Io invece ho un amico che da anni fuma due pacchi e mezzo di sigarette. Ha 24 anni e sto notando che la sua pelle ha un colore grigiastro, secondo voi quanto gli manca?
>> Num. 8441 quick reply
Difficile a dirsi anon
Da come ne hai parlato sembra che o viva con i suoi genitori o che abbia abbastanza soldi da vivere di rendita senza dover lavorare.
Se ho immaginato male io e lavora oltre a studiare e drogarsi sticazzi, può abbandonare lo studio
Se invece è un tossichello mantenuto c'è poco da fare, probabilmente uno psicologo sarebbe necessario per capire quali turbe mentali cerca di evitare drogandosi, e come affrontarle.
Magari sii più diretto.
>> Num. 8442 quick reply
>>8441
Fa il cameriere il fine settimana, coi soldi che guadagna (che credo si aggirino intorno ai 400 minibot al mese) si paga una camera in affitto, la droga e da mangiare. Per le bollette credo che si debba appoggiare ai genitori, che però credo siano ex operai in pensione.
>> Num. 8443 quick reply
Ex "drogato" here.
La marijuana da dipendenza solo psicologica e ho l'impressione che il tuo amico stia facendo un po' troppo lo spigoloso. Le sigarette invece danno si dipendenza fisica.
All'epoca risolvetti con lo strizza ed erano problemi da minorenne spigoloso piuttosto che veri problemi da dipendenza.
Consiglio al tuo amico di vedere un terapista.
>> Num. 8445 quick reply
>>8443
Sei sicuro di quanto affermi, ossia che la marijuana non dia dipendenza fisica? Mi sembra una di quelle cazzate che ci dicevamo tra minorenni vent'anni fa riguardo alle sigarette, tipo che dopo un giorno il tuo corpo non ne aveva più bisogno...
>> Num. 8446 quick reply
>>8445
https://it.wikipedia.org/wiki/Dipendenza_da_cannabis
Divertiti.
>> Num. 8447 quick reply
>>8445
tra droghelli pensavo si sapesse che la maria non dà dipendenza fisica

also sei sicuro che l'erba sia l'unico problema del tuo amico e non è dovuto ad altro?
>> Num. 8448 quick reply
>>8446
>>8447
Lì dice che la dipendenza fisica è minore rispetto alla nicotina, non che non ne dia. Quello che volevo sapere io è se fosse una leggenda metropolitana che non ne desse, e wikipedia come fonte mi conferma che è una leggenda metropolitana.
>> Num. 8449 quick reply
>>8448
mezza leggenda, sviluppi dipendenza fisica con un uso davvero esagerato (e anche in quel caso non è detto)
>> Num. 8452 quick reply
Probabilmente l'amico di OP è tabagista e non se ne rende conto.
>> Num. 8453 quick reply
I drogati devono toccare il fondo del fondo prima di svegliarsi, e non è detto che si sveglino. Lascialo nel suo brodo.
>> Num. 8455 quick reply
Ho cominciato con le canne a 16 anni o giù di lì e ho fumato erba durante tutta la mia carriera universitaria, anche e soprattutto quando ero in tesi (se prima rollavo solo quando mi ritrovavo con gli amici, cioè spesso, più o meno in quel periodo ho iniziato a fumare ogni sera). Mi sono laureato, purtroppo con un voto mediocre che non mi permette di fare quello che vorrei in Italia (però faccio ciò che mi piace all'estero), ma solo perché ci ho messo troppo tempo a capire le mie intenzioni per il futuro, complice un sistema universitario che fa acqua da tutte le parti e accettavo tutto dal 18 in su sbattendomene le palle. Devo dire che mi sono comunque impegnato piuttosto seriamente, ma mi sento di dire che l'erba non mi ha limitato in modo particolare, semplicemente non capivo un cazzo né della mia vita, né dell'ambiente in cui mi trovavo né delle persone attorno a me e oltre. Fermo restando un profondo e costante interesse per il mio corso di studio. Le canne hanno limitato molto di più la mia vita sociale, questo senza ombra di dubbio.
Semplicemente al tuo amico di studiare non gliene frega francamente un cazzo, e non gliene frega un cazzo di quello che studia. Quindi a te che cazzo dovrebbe fregartene? Digli piuttosto che essere una matricola a 30 anni non lo porta da nessuna parte, prima si trova un lavoro che gli permetta di pagarsi l'erba e meglio è, se quello è il suo vero interesse.
>> Num. 8456 quick reply
File 156110730694.jpg - (179.30KB , 801x771 , trroka.jpg )
8456
>> Num. 8457 quick reply
>>8455
>Le canne hanno limitato molto di più la mia vita sociale, questo senza ombra di dubbio
in che modo? nel mio caso hanno parzialmente aiutato
>> Num. 8469 quick reply
>Come faccio a fargli capire che ha un problema?
Non puoi.
Per continuare a fumare sarà disposto a mandarti a cagare come ti hanno già detto altri anon.

>loldipendenza psicologica
Rido perché c'è chi ne parla come se fosse meno pericolosa di quella fisica.
La cannabis è merda a prescindere, crea una dipendenza fortissima perché rende il mondo molto più interessante e coinvolgente. La vita da sano sembra piatta e vuota. è come paragonare una partita a scacchi in MSDOS con Skyrim in 4K dove puoi vivere mille avventure.
L'alcol ti fa stare male il giorno dopo quindi ci pensi due volte prima di esagerare, mentre con la cannabis puoi esagerare senza limite e nel giro di qualche anno i danni psicologici sono enormi rispetto ai danni totali da alcol, con il quale comunque non puoi esagerare.
All'uni conoscevo gente fancazzista che si fumava dei cannoni stratosferici già la mattina, a volte prima di fare colazione. Non combinavano un cazzo ed erano rincoglioniti.

Adesso che sono un po' più grande vedo che chi fuma nonostante l'età è nella maggior parte dei casi un rimastone oppure una persona molto stupida.
>> Num. 8471 quick reply
>>8469
La realtà è un po' diversa da così.
Da piccolo mi facevo le canne, e me ne facevo tante.
Della cumpa che si faceva le canne, un buon 25% sono pagati per eccellere e il resto "normali".
Un 10% è finito nel fosso della vita.
I più "dipendenti" sono quelli pagati per eccellere, visto che hanno i soldi per scoppiarsi con roba buona giorno e notte.

Morale della favola: non ti cambia la vita neanche per il cazzo.
Se eri uno destinato a diventare un senzatetto fattone, diventerai lo stesso un senzatetto fattone. Se eri destinato a diventare pagato per eccellere, diventerai pagato per eccelle e DROGHATO. Se eri destinato a diventare un ciellino con i pantaloni ascellari e i capelli impomatati, diventerai un ciellino con i pantaloni ascellari e i capelli impomatati.

Ricordiamo a tutti le parole dell'armadillo a zerocalcare.
"BASTA COL RIFIUTO APRIORISTICO DELL'ALCOOL E DELLE DROGHE LEGGERE! IL CONTROLLO LO PERDI LO STESSO E PER LE PEGGIO CAZZATE!"
>> Num. 8472 quick reply
>>8471
Sì vabbè pure la predestinazione, fattene di meno.
>> Num. 8473 quick reply
>>8471
Come hanno trovato il lavoro? No perché se lo hanno trovato per conoscenze varie allora non vale.
Hanno il culo parato (cioè il bel soldino e mamma e babbo che li supportano fino ad almeno 300k euro)? perché anche lì non vale, è facile essere un fattone quando hai il culo parato e davanti hai la strada spianata e senza problemi come un wafer di silicio, e sai che male che vada ti spendi i soldini fumando canne tutti i giorni fottesegando di tutto e di tutti.

Il fallimento del fattone si vede quando deve farsi un culo così. Lì ti posso garantire che quasi tutti falliscono: non combinano un cazzo e rimangono nella loro mediocrità, col bonus di svariati verbali perché li hanno sgamati con la fumah e le cannette. E qui ci sarebbe da aprire tutto un paragrafo sulla quasi impunità che si ha quando si ha il bel circolo di conoscenze e il bel soldino.
Non si può negare: fumare tutti i giorni fa vivere in un mondo della fattanza, è come mettersi in testa un limitatore, un filtro. Poi una volta abituati è un casino, è come per le sigarette, "sì smetto quando voglio", però intanto il dildo invisibile entra nel culo.

Poi dipende dalla singola persona, io ho fumato le kanne quando avevo 18-20 anni e mi sono divertito un sacco, ma dopo un paio di anni ho iniziato a vedere che è una fregatura e ho smesso. Il gioco non vale la candela. E per fortuna non sono uno predisposto alle dipendenze: ogni tanto mi fumo un pacchetto da 20 tra pomeriggio e notte e poi magari non fumo per due settimane, idem per l'alcool, bevo se non ho un cazzo da fare e comunque entro i limiti della decenza.


Cancella post []
Password  
Segnala post
Motivo