-  [WT]  [Home] [Manage]

[Indietro]
Modalità post: Risposta
Email b i u s sp
Soggetto   (risposta a 15357)
Messaggio
File
URL File
Embed  
Password  (per cancellare post e file)
  • Tipi di file supportati: GIF, JPG, MP3, PNG
  • Massima dimensione del file 8000 KB.
  • Le immagini più grandi di 250x250 pixel saranno ridimensionate.
  • Ci sono 185 post unici. Vedi catalogo

  • Blotter aggiornato il: 2017-10-11 Vedi/Nascondi Vedi Tutti

File 161442059395.png - (113.37KB , 1200x778 , How_to_recognise_a_rescaled_product.png )
15357 Num. 15357
Ciao Anon,

visto che questa è una board riguardo all' economia domestica, vi segnalo che cambieranno le etichette energetiche.

https://dday.it/redazione/38649/-in-arrivo-le-nuove-etichette-energetiche-per-elettrodomestici-ecco-cosa-cambia

Differenze rispetto al passato?

- Non esisterà più l'etichetta A+++ o A+ questo perché la scala è fissa A-G.
- In alto a destra ci sarà un QR Code che permetterà di accedere a maggiori informazioni supplementari riguardo all'elettrodomestico sul sito dell'EPREL- European Product Database for Energy Labelling (EPREL)
- La classificazione del rumore attraverso una scala da A a D,

Ma come faccio a sapere quanto risparmio se compro quello più efficiente?

Il costo medio in Italia per kWh è di 0.2 (dipende dal vostro contratto).
Moltiplicate 0.2 per il Kwh riportato sull'elettrodomestico e così potete capire quanto risparmiate in termini di moneta sonante all'anno.
Se un prodotto costa 50€ in più ma è più efficiente, magari in due anni lo ripagate attraverso i consumi.
Espandi tutte le immagini
>> Num. 15358 quick reply
File 161451748089.gif - (1.81MB , 270x316 , tumblr_ocb0u97Uox1r1ksyoo1_400.gif )
15358
>Se un prodotto costa 50€ in più ma è più efficiente, magari in due anni lo ripagate attraverso i consumi.
Nel fantastico mondo dei laboratori tutto è perfetto, tutto funziona e il sole splende anche quando c'è una tormenta di neve; ma in realtà, nel caso di lavatrici e lavastoviglie, spenderete di più in curalavastoviglie, anticalcare o presunti tali, igienizzanti, cazzi e mazzi
La classe energetica di un elettrodomestico "lavaqualcosa" si riferisce al ciclo ECO. Questo ciclo fa consumare meno (tipicamente pochi centesimi di €/anno) perché carica meno acqua sia per il lavaggio che per il risciacquo scaldandola a una temperatura minore, ma allunga a dismisura il tempo impiegato a svolgere il lavaggio perché deve sopperire alla bassa temperatura con più azione meccanica
Ciò vuol dire che nel caso delle lavatrici potrete trovarvi con capi lavati e sciacquati a cazzo di cane (es: forte odore di detersivo) e siccome l'azione igienizzante dell'acqua calda + detersivo andrà a farsi benedire, alla lunga usando sempre programmi a basse temperature si avrà la proliferazione di muffe e batteri. Ecco perché dopo qualche anno di uso di una lavatrice avrete il bucato che puzza o un odore di marcio nella lavastoviglie
La soluzione? Lavare con i cicli normali (che comunque caricano meno acqua delle macchine prodotte negli anni passati) ad alte temperature, anche i 90° "della nonna" quando possibile e preferibilmente con i cari vecchi detersivi in polvere, o usare i prodotti curatutto di cui sopra, che però costano più dell'energia "sprecata" coi cicli tradizionali ed essendo prodotti chimici inquinano le acque. Senza contare che lavando spesso a basse temperature coi detersivi liquidi, alcune parti della lavatrice (crociere e cuscinetti del cesto, coi loro paraacqua di carta velina) saranno "mangiate" in pochi anni dalla palta di detersivo depositato. Risultato: lavatrice da buttare perché la riparazione non è conveniente

Quindi non date troppo peso a queste etichette, ché tanto i cicli "di laboratorio" lasciano il tempo che trovano perché nella vita reale delle mutande da lavare ci sono troppe variabili in gioco (grado di sporco, durezza dell'acqua, tipo e quantità di detersivo ed eventuali additivi…)
>> Num. 15359 quick reply
>>15358
>preferibilmente con i cari vecchi detersivi in polvere

Io sapevo che è meglio utilizzare il detersivo liquido perché non si accumula, non fa deposito e non deve sciogliersi.

Perché il detersivo in polvere è migliore del detersivo liquido?

Poi a mio avviso molto fa la pesantezza dell'acqua. Qui in polentonia la durezza dell'acqua è molto elevata.
>> Num. 15360 quick reply
>>15359
Non capisco dove dovrebbe accumularsi la polvere, visto che con i lavaggi ad alte temperature si scioglie bene e non incrosta la macchina, mentre il liquido tende a formare depositi che poi degenerano come ho scritto in >>15358 (anche a causa delle basse temperature: non sto dicendo che il liquido sia il diaulo, eh. Lo uso anch'io). Al massimo farà qualche deposito nella vaschetta del detersivo, cosa che fa anche l'ammorbidente che è liquido. È per quello che bisognerebbe pulirlo ogni tanto, fa parte della manutenzione base della macchina insieme al controllo periodico del filtro

Certamente la durezza dell'acqua influisce sul lavaggio ed è per quello che vengono consigliate dosi più alte se l'acqua è dura
In che zona della polentonia vivi? Qui nel milanese la durezza è per lo più media


Cancella post []
Password  
Segnala post
Motivo