-  [WT]  [Home] [Manage]

[Indietro] [Visualizza tutto] [Ultimi 50 post]
Modalità post: Risposta
Email b i u s sp
Soggetto   (risposta a 28946)
Messaggio
File
URL File
Embed  
Password  (per cancellare post e file)
  • Tipi di file supportati: GIF, JPG, MP3, PNG, SWF
  • Massima dimensione del file 8000 KB.
  • Le immagini più grandi di 250x250 pixel saranno ridimensionate.
  • Ci sono 1109 post unici. Vedi catalogo

  • Blotter aggiornato il: 2017-10-11 Vedi/Nascondi Vedi Tutti

File 162945445890.jpg - (343.89KB , 1130x407 , Squidwards.jpg )
28946 Num. 28946
>mentre sono in vacanza per qualche motivo riesco a matchare con una tipa su Tinder
>scopro che abita non lontano da me ed è anche lei in vacanza
>lei è di ritorno dopo 2 giorni e dato che io ritornerò dopo altri 5 giorni, le giornate successive intratteniamo conversazioni riassumibili in quotidioni report simil-epistolari comici di riassunto della giornata
>ora che son ritornato presumo che dovrei cambiare marcia ed andare al dunque
Ebbene,

SONO VERGINE BACIATONASOLAVOLTAPERSBAGLIODAUBRIACHI MAI USCITO CON UN RAGAZZA IN +25 ANNI DI VITA CHE CAZZO SI DOVREBBE FARE ORA
COME FUNZIONANO I RAPPORTI UMANI INTERGENERE CON FINI RIPRODUTTIVI?
NON ESCO IN QUESTA CITTA' DI MERDA DA ORMAI 6 ANNI NON CONOSCO UN POSTO CHE SIA UNO SEMPRE PRESUMENDO CHE IO SAPPIA CHE POSTO SI POSSA SCEGLIERE PER INCONTRARSI
MA CI SI INCONTRA ANCORA IRL? ESISTE UN MONDO LA' FUORI? BOH BOH

Capiamoci, un paio di amici ce li ho, non ho mai avuto problemi a relazionarmi con l'altro genere se si é in gruppo e non ci sono secondo fini.
Ma nonostante questo,

AAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAA

L'angoscia è la vertigine della libertà diceva qualcuno, ora tutto mi è chiaro.
Omessi 41 post. Visualizzati gli ultimi 50. Espandi tutte le immagini
>> Num. 29040 quick reply
>>29032
Minchia che stronzo che sei stato OP. Però almeno hai imparato una lezione importante: quando si esce dalla cameretta è molto facile essere stronzi.
>> Num. 29041 quick reply
>>28968
>vuol dire che potrebbe volerlo fare in base a come ti comporti.
300 maschere diverse per infilare il cazzo nella figa.
>> Num. 29042 quick reply
>>29039
>spiega
A questa età solo le pazze o le persone scarse e prive di qualsiasi qualità verranno da te.
Per questo sono riuscito a ottenere spagnola + sega facilmente. Il pepo non glielo metto dentro perché non mi fido per le malattie.
>> Num. 29043 quick reply
Allora, OP, che succede?
Io recentemente ho avuto un rapporto completo (mani + sesso orale + cowgirl + pecorina)
E' stata gentilissima
Che ansia però
>> Num. 29044 quick reply
Ti sei munito di guanti, mascherina e preservativo?
>> Num. 29045 quick reply
Ti sei munito di guanti, mascherina e preservativo?
>> Num. 29046 quick reply
>>29043
Ti sei munito di guanti mascherina e preservativo?
>> Num. 29047 quick reply
>>29046
Si non si sa mai con queste goccioline
>> Num. 29048 quick reply
>>29043
Raccontaci di più.
>> Num. 29049 quick reply
  >>29048
Niente di che, alla fine il sesso praticato a letto è abbastanza diverso (specialmente dal lato tattile, toccare con mano e con il resto del corpo) da quello che si dice tipicamente al bar o quello che si legge in giro.
Se poi avete la carica sessuale di un pezzo di legno...
Ci vuole pazienza e soprattutto una partner comprensiva, che non abbia fretta, e che sia contenta di sperimentare con te.
Tutto sommato esperienza decente, il sesso nella sua accezione più libera non è sicuramente patinato.
>> Num. 29050 quick reply
File 163360533986.png - (323.97KB , 708x353 , thanos.png )
29050
Secondo voi è possibile tenersi delle ragazze amiche per lunghi periodi (senza dargli il pepo, quindi amiche con cui uscire a mangiare e girare e basta)?
O se ne vanno dal gruppo di amici quando trovano uno che diventa il loro fidanzato?
>> Num. 29051 SABBIA! quick reply
>>29050
Stavo per scrivere una risposta seria ma poi l'ho cancellata e ho perso la voglia.

TL;DR: é possibile ma raro
>> Num. 29052 SABBIA! quick reply
>>29050
Sei offtopic, e la domanda è anche abbastanza mal posta.
Comunque certo che è possibile. Avere entrambi delle relazioni aiuta.
>> Num. 29105 quick reply
File 163518171186.jpg - (46.00KB , 640x480 , jesusdesu.jpg )
29105
>>29029
>Rimanete sintonizzati, che ci sono altri due match, ma uno di questi è ancora in cantiere ed evito di cominciare con la telecronaca.
Credo di dovervi la parte della telecronaca mancante.

30 Agosto, nuovo match.
Chiacchere per 3 giorni.
Il 6 Settembre ci vediamo per un aperitivo durato circa 4 ore.
Per ora nulla di diverso dalla prima esperienza, ma per fine serata mi ero già preparato di proporle una seconda uscita.
Dato il suo interesse per l'urbex ed il mio recente ingresso nel mondo della fotografia, le ho chiesto di consigliarmi un posto che potessimo andare a visitare insieme.
Col senno di poi forse è stata una proposta azzardata dopo una sola uscita, in più ho delegato la scelta a lei, eppure la proposta è stata ben accolta e nei giorni seguenti si è impegnata a cercare diverse alternative.

Il 12 Settembre infine andiamo in un posto abbandonato abbastanza grande. Per +8 ore.
Ovviamente AT-field potentissimo e non riesco a combinare nulla, contatto fisico pressochè nullo come al solito.

Ora, potrei tediarvi con una narrazione prolissa in cui ripeto i soliti errori, quindi faccio prima ad esprimermi così:
>15 Settembre, 4 ore
>21 Settembre, 2 ore
>24 Settembre, 7 ore
>28 Settembre, 2 ore
>2 Ottobre, 14 ore
>8 Ottobre, 11 ore
>10 Ottobre, 9 ore
>15 Ottobre, 9 ore
>17 Ottobre, 6 ore
>22/23 Ottobre, 23 ore
Riesco a baciarla poco dopo averle detto che dovevo andare.

Sembra una presa per il culo ma vi posso assicurare che sì, sono deficiente e lei ha la pazienza di 12 Buddha, già un mese fa mi disse
>Comunque mi fa ridere come ci salutiamo ogni volta
I segnali li avevo colti benissimo, ma per qualche motivo non ho mai avuto la forza di prendere l'iniziativa, forse sperando, nella mia ignavia, che fosse lei a dare il "kick-off" iniziale.


Liberi di chiedermi qualsiasi dettaglio in più, ho tutto segnato in un file di testo che tramanderò forse alle generazioni future, con quale intento non so, saranno loro a deciderlo.
>> Num. 29106 quick reply
  >>29105
Bene bene.
>> Num. 29110 SABBIA! quick reply
File 163523624536.gif - (1.11MB , 400x225 , sabbia porcodio.gif )
29110
>>29032
OP ma quanto sei coglione?
guarda che non tutte le persone che pigliano psico vogliono farti la pelle, ed è stata lei stessa a proporti una situazione scopa e fuggi
porcoddddiooooo
sabbia per disprezzo
>> Num. 29156 quick reply
>>29110
Credo che lui sia rimasto bloccato dal pensiero "mi devo scopare una psicopatica" e alla conseguente botta di umiliazione personale.
>> Num. 29157 quick reply
>>29105
Ma quindi a fine ottobre hai scopito?
>> Num. 29158 quick reply
>>29157
Io si ma a inizio ottobre
>> Num. 29170 quick reply
File 163811145764.gif - (14.09KB , 211x202 , 1506948289704.gif )
29170
>>29157
No, nemmeno a fine novembre.

Breve aggiornamento.
Sembra andare bene, siamo usciti altre 8 volte da allora, 4 delle quali rimanendo a dormire da lei (nello stesso letto).
E non ho ancora scopito, esatto.
Lei palesemente si aspetta che faccia tutto io e non so con quale pazienza continui ad attendere.
Effusioni prolungate e toccate qua e là (solo da parte mia) ci sono e direi che è palese che volendo avrei potuto ficcare già a inizio novembre.
Ed invece eccomi qua con la mia dose di autismo.

Ci siamo visti ieri, siam tornati a casa sua verso le 17.30 ma purtroppo alle 19 dovevo scappare che avevo altri impegni quindi ci siamo limitati ad altre effusioni.
Però ho notato un maggior trasporto da parte sua come se volesse dire "Ora è il momento", solo che ovviamente mi son ritrovato davanti un altro muro mentale per cui non ho idea di come si debba svolgere il tutto.
E niente, mi son limitato a ficcarle una mano fra le parti intime (sopra i collant) poco prima di dover scappare.

Non so bene come, ma la prossima volta sarà il momento di agire.

SE NON FOSSE CHE IN TUTTO QUESTO TEMPO MAI UNA VOLTA CHE AVESSI AVUTO IL PENE ERETTO CHE MI DESSE UNA SPINTARELLA DICENDOMI "WELA FICCHIAMO ALLORA??"
NO, AL MASSIMO UN BARZOTTINO CHE DURA 30 SECONDI E POI VIA
E POI OVVIAMENTE, A CASO, DOPO 1-2 GIORNI IL CERVELLO SI RICORDA DELLE EFFUSIONI CON LEI E IL PISELLO SI RISVEGLIA
UN PO' TARDI CARO MIO, NON CREDI?

Sono rotto? Son frocio? Son anon?
Ho pure un cazzetto di 14cm quando il sangue pompa bene, non vorrei averle creato troppe aspettative con tutto questo tease.

Restate in cameretta amici miei, è meglio così.
>> Num. 29171 quick reply
>>29170
Ma ne hai parlato con lei?
Una non ti sta dietro per così tanto tempo solo per scopare. Tira fuori le tue debolezze e i tuoi limiti, se lei è un minimo sensibile ti darà una mano come può, e vista la pazienza olimpionica direi che le piaci non poco e secondo me si è accorta che sei un po' autista dentro.
>> Num. 29172 quick reply
>>29170
Sono anch'io dell'opinione che dovresti parlarle, spiegarle il problema e chiedere una mano.
>> Num. 29173 quick reply
Ancoar >>29171
Qui la cosa più autistica che puoi fare non è rimanere moscio o non scopare, è stare zitto con lei.
>> Num. 29174 quick reply
>>29170
Potresti essere asessuale (sì, la condizione esiste, nel senso che è come il Ph acidità/basicità dell'acqua, neutro) e quindi potresti dedicarti a esplorare il suo corpo.
Tocca, annusa, lecca, ascolta e parla per capire cosa puoi fare.
Altra roba interessante qua:
https://liararoux.substack.com/p/nerds-are-superior-lovers
>> Num. 29175 quick reply
>>29173
THIS, dovresti parlarne con lei.
>> Num. 29178 quick reply
>>29174
>asessuale
>DOPO 1-2 GIORNI IL CERVELLO SI RICORDA DELLE EFFUSIONI CON LEI E IL PISELLO SI RISVEGLIA
Anche se solo op può dirlo davvero, non mi sembra che non sia interessato al sesso. Se fosse asessuale dovrebbe chiedersi "dovrei voler scopare, perché non voglio fare sesso con questa donna?" invece di "perché non riesco a fare sesso".
Mi sembra "solo" tanta insicurezza.
>non vorrei averle creato troppe aspettative con tutto questo tease
Invece non credi di essertele create tu le aspettative?
OP non mi meraviglierei se la prima volta che riesci a ad avere un'erezione con lei schizzi appena ci appoggia le labbra, con me è andata così. Tieni in conto qualche possibile defaillance e non rimanerci troppo male se capitano, devi ingranare e ti servono i tuoi tempi e le tue tappe.
Hai un'ottima occasione non per scopare, ma per aprirti con un'altra persona su una cosa così importante, persona che potenzialmente (o probabilmente, visto il palese interesse e la pazienza olimpica) può accompagnarti in queste tappe e può accogliere le tue insicurezze. Lo scopaggio è solo la ciliegina sulla torta, qui c'è in ballo la tua persona e la tua sfera sessuale/sentimentale, che sono di gran lunga più importanti di avere il cazzo umidiccio.

In ogni caso te lo ripeto: >>29173. VAI OP!
>> Num. 29185 quick reply
File 163846935138.png - (12.72KB , 200x200 , pc05.png )
29185
Grazie anemoni, anche io sono convinto che dovrei parlarne con lei, ci penso già da tempo, ma non so come fare. Purtroppo il mio cervello mi impedisce di fare un'uscita del genere se non in una situazione in cui non sia "costretto" a svuotare il sacco.

Ieri sera ci siamo visti, ho atteso che ci fosse un'apertura per un dialogo del genere, ma fino alla fine non c'è stata (sempre che esista, si intende).
Prima di salutarci a fine serata le ho solo detto una cosa tipo:
>Se ti ho mai dato l'impressione di non avere idea di cosa stessi facendo, è perché non l'ho mai avuta
Ha risposto di non aver mai avuto questa impressione.
Non so quanto abbia attecchito il concetto.

Domani sera ci rivediamo e rimango a dormire da lei dato che abbiamo organizzato cose per sabato.
>> Num. 29186 quick reply
>>29185
>ho atteso che ci fosse un'apertura per un dialogo del genere
Anon sai benissimo anche tu che questa è una cazzata. Non ci vuole molto, basta scriverle che sabato le vuoi parlare di una cosa seria e sarà lei ad aprire il dialogo. Di persona non avrai la pressione di dover indirizzare tu il discorso sull'argomento e un messaggio mandato con largo anticipo dovrebbe farti sentire meno esposto. Vedila come un modo per "auto-costringerti a distanza".
So che non è per niente facile, ma non puoi aspettarti che basti una "frecciatina" (non in senso ostile) a farle scattare tutto in testa.
>> Num. 29187 quick reply
>>29186
THIS! Fatti un favore, anon, non usare espressioni come
>Se ti ho mai dato l'impressione di non avere idea di cosa stessi facendo, è perché non l'ho mai avuta
Sii diretto, onesto e sincero. Diglielo, chiaramente.
>> Num. 29188 quick reply
>>29186
>>29187
Gli state dando una immagine parziale di quello che succederà: si accorgerà che è facile sfondare, ma poi amministrare il dopo sarà una cosa non facile per niente.
>> Num. 29191 quick reply
>>29188
>amministrare il dopo
Non so se ti riferisci alla discussione con lei o dopo ancora.
Nel primo caso nì, quella sta a lui quanto a lei, ma è anche vero che l'ansia e l'insicurezza ingigantiscono la facciata di questo tipo di cose, una volta sfondato il muro di paura ed evitamento spesso è paradossalmente facile una certa naturalezza, anche impacciata, come d'altronde hanno fatto tutti nella vita.
La questione qui è che ormai op dovrebbe conoscerla un minimo, ci ha parlato tanto visto il numero di uscite e avranno instaurato un certo feeling e un certo modo di parlare (è così op?) come avviene in ogni relazione dall'amicizia in su, lì di solito i discorsi importanti vengono anche "naturali".
Ovvio che sarà faticoso, ma fermarsi di fronte alla prospettiva di una difficoltà è uno dei tratti principali degli anon, prima o poi si deve agire. La fatica deve essere una consapevolezza, ma non deve fermare l'azione.

Op le parole d'ordine sono apertura, sincerità e coraggio.
Lei la conosci un pochino, ti sarai accorto se è una stronza o una ragazza sensibile a queste cose. Se è la seconda non temere nulla perché non sarai solo.
Ti rendi conto? Un momento della tua vita dove non sarai solo! Non buttarlo!
>> Num. 29192 quick reply
>>29191 qui
Aggiungo una cosa: un passo alla volta. Il post-discussione si vedrà e si affronterà con lo stesso spirito, così come quello che arriverà dopo.
>> Num. 29200 quick reply
File 16387965779.jpg - (22.85KB , 480x414 , betaOP.jpg )
29200
E niente miei soffici amici, vi ringrazio per i vostri commenti, ma ora passiamo subito ai fatti.

Venerdì sera dopo cena le ritiro fuori le mie parole dell'ultima volta cercando di spiegarle meglio cosa intendessi. Con pochi giri di parole le dico che la mia esperienza si riduce a poche limonate eccezionali e nient'altro, neppure una breve storia definibile tale.
Non saprei bene come descrivere la sua reazione, passa qualche secondo a cercare le parole giuste per dirmi che è felice di come si siano svolte le nostre interazioni perché non le era mai successo di poter approfondire il rapporto con una persona con questa "calma", il che le sembra un modo più vero e completo di vivere il tutto.
Non aggiunge nient'altro e per il resto della serata il suo comportamento non sembra essere differente.
Solite tenerezze prima di addormentarsi per mezzanotte data la giornata abbastanza piena.

Per il giorno dopo ci si era proposti di uscire a mangiare a pranzo per le 11-12 per poi andare ad un evento in un'orario non di punta.
Ma diciamo che non è proprio andata così.
Come detto in >>29170, questa era la volta in cui avrei dovuto agire e così ho cercato di fare.
Maglia tolta, reggiseno slacciato, mano nelle mutande messa, dita inserite. Orgasmo raggiunto (pare*).
*la mia insicurezza ovviamente mi fa dubitare il tutto, ma questa è una mia nota storta e cancellata a piè di pagina
Alla fine all'evento ci siamo stati la sera.

Sempre come detto in >>29170
>MAI UNA VOLTA CHE AVESSI AVUTO IL PENE ERETTO CHE MI DESSE UNA SPINTARELLA DICENDOMI "WELA FICCHIAMO ALLORA??"
>NO, AL MASSIMO UN BARZOTTINO CHE DURA 30 SECONDI E POI VIA
Ho il cervello distrutto dal porno? Mi piace il cazzo?
Non saprei, però il suo ansimare è abbastanza una droga che qualche minimo effetto faceva.
Domenica è stata una replica di sabato, sia nel bene che nel male.

Nota dell'autore: lei abbastanza passiva, giusto all'inizio ha provato ad allungare un poco la mano ma forse non ha proseguito notando il problema ed il mio "schivare".
Poi poco o nulla, giusto lei che si mette sopra di me anche per testare eventuali reazioni del membro. (non pervenute)
Nonstante questo, nessun accenno verbale al tutto, dal suo modo di porsi non sembra nemmeno preoccuparsene, pare presa più che mai.

Martedì sera ci rivediamo, ma non so se avrò occasione di ritentare a (non) fallire.
>> Num. 29210 quick reply
>>29200
Oggi è mercoledì, e magari quello che ti sto per scrivere non avrà già più molto senso, ma ci sono due cose che vorrei dirti.

1) Ovviamente io non so un cazzo di questa tipa, e mi baso su un'impressione di qualcosa che tu hai scritto su quello che lei ha detto una volta. Però quella frase
>è felice di come si siano svolte le nostre interazioni perché non le era mai successo di poter approfondire il rapporto con una persona con questa "calma"
accoppiato con il fatto che è molto restia a toccarti (mi pare), mi fa pensare che non abbia avuoto le migliori esperienze del mondo con il sesso, e in alcune occasioni si è sentita forzata a far sesso quando non lo voleva del tutto.
Quindi magari non fare che (quando succederà) appena ti diventa duro glielo butti dentro con foga per paura di perdere l'attimo. Le cose con questi tempi le stanno piacendo, quindi cerca di godertele anche tu con questi tempi. Il suo ansimare è una droga? Bene, drogati di quello e vedrai che il resto verrà da sé.

2) Ma, scusami, di quale fallimento stai parlando? Del fallire nell'obiettivo della perdita della verginità?
Ti svelerò un segreto, OP: tu non sei più vergine.
Lascia stare le stronzate che si dicevano a 15 anni per cui ci sono le varie fasi limone-ditalino-sega-pompino-sesso, con l'ultima a coronare la perdita della verginità. Tu hai raggiunto un certo livello di intimità emotiva e fisica con una ragazza, ci hai dormito assieme, le hai dato piacere, hai sentito la sua carne addosso alla tua, ti sei ricoperto dei suoi liquidi. Non sei più vergine.
Lo sei meno di uno che ha fatto due pompate dentro una ragazza sconosciuta da ubriaco, o con una prostituta, e basta. Semplicemente della pletora di pratiche sessuali che si possono fare, ne hai fatta solo una piccola parte.
>> Num. 29211 quick reply
>>29200
>(non) fallire
Ascolta >>29210 sul secondo punto. Te l'ho già scritto: qui scopare non è la cosa più importante, lo è migliorare nella tua sfera sentimentale e sessuale (!= sesso). Hai fatto un primo importante passo, hai tirato fuori una tua grossa difficoltà all'interno di una relazione con un'altra persona (gieffe, scopamica o salcazzo) prendendoti tutti i rischi del caso. Questa cosa l'hai portata a casa, ed è una cosa grossa. Forse non te ne rendi conto perché davanti a te vedi solo lo scupaggio e lo stigma della verginità, ma l'intimità e la comunicazione nell'intimità sono cose molto più difficili e importanti da raggiungere e gestire, vedi i vari puttanieri o i chad sburrakuli che saltano da una figa all'altra ma chissà perché si sento vuoti dentro.
>Mi piace il cazzo?
L'eventuale cazzo non ha mai escluso la figa.
>reazioni del membro (non pervenute)
Hai provato con una terapia d'urto?
Intendo un pompino bavoso o un dito in culo
>nessun accenno verbale al tutto
In che senso?
>> Num. 29212 quick reply
L'ideale sarebbe quello di sopportare lo stare da soli come lo stare con qualcuno.

>>29191
>ma non deve fermare l'azione.
Spiega la motivazione per non fermare l'azione, quali obiettivi si devono raggiungere con quella azione
>> Num. 29213 quick reply
>>29212
>quali obiettivi si devono raggiungere con quella azione
Per me o qui op ha davanti un'ottima occasione per crescere in un campo dove chiaramente non ha mai messo piede (si veda il primo paragrafo in capslock), con una persona comprensiva e, credo, attenta a quello che lui prova. L'obiettivo, per come la vedo io, si può riassumere semplicemente nel fare esperienza in un ambiente nuovo, dove ognuno prima o poi si dovrebbe cimentare per "diventare grande". Il sesso è compreso, ma ridurre tutto a quello secondo me ti fa perdere di vista il normale sviluppo personale.
La questione fatica è pura anonitudine: evitare situazioni in cui non ci si sente a proprio agio davanti alla prospettiva di fare fatica, che sia fisica, psicologica, intellettuale o sentimentale. Una fatica che si pensa di non poter sostenere, soprattutto se comparata alla propria zona di comfort (che sia anche questa fisica, psicologica, intellettuale o sentimentale).
>L'ideale sarebbe quello di sopportare lo stare da soli come lo stare con qualcuno.
Certo, ma davanti ad una difficoltà rinunciare a stare con qualcuno e dicendo a te stesso che "devo anche imparare a stare da solo" è solamente l'ennesima bugia che l'anon si racconta per non fare un passo avanti e starsene dove sta da anni, fare le stesse cose che fa da anni e lamentarsi delle stesse cose di cui si lamenta da anni.
Op ha superato i 25, ora è anche il momento che muova il culo (detto con affetto) e si cimenti con questa cosa strana che sono le relazioni personali con risvolti sessuali/affettivi, consigliarli di imparare a stare prima da solo gli tarperebbe le ali. Cosa dovrebbe fare? Aspettare i 30 e provarci coi poteri? Io dico di agire ora che ha un ambiente accogliente in cui può sperimentare.
>> Num. 29214 quick reply
>>29213
>e lamentarsi delle stesse cose di cui si lamenta da anni.
Squadra che funziona non si cambia.
>> Num. 29215 quick reply
File 163905475360.png - (133.46KB , 400x392 , 15.png )
29215
>>29213
>La questione fatica è pura anonitudine: evitare situazioni in cui non ci si sente a proprio agio davanti alla prospettiva di fare fatica, che sia fisica, psicologica, intellettuale o sentimentale. Una fatica che si pensa di non poter sostenere
Io continuo a fare cose e fatiche fisiche, psicologiche, intellettuali, interagisco con persone uomini e donne che penso di poter sostenere ma a costo di fastidi anche a volte enormi e i risultati concreti sono altalenanti, certamente buoni ma a volte insufficienti per quanto concerne la gente attorno.
Parti da 0 e ottieni 50 dopo anni, in mezzo a gente che è partita anni prima di te, e ti guarda storto e giudica senza sapere niente.

>è solamente l'ennesima bugia che l'anon si racconta per non fare un passo avanti e starsene dove sta da anni, fare le stesse cose che fa da anni e lamentarsi delle stesse cose di cui si lamenta da anni.

Arrivare alla "cima" a 25 anni o a 34 anni non ha una grande importanza, lo ha solo per chi vi sta attorno e vi giudica.
L'identità è data dalle persone che ci sono attorno?

Un grande movente è la paura.
La paura che opprime, che conquista, che schiaccia, che definisce.
Che connette, che tira, che guida, che sposta.

Ma anche quando si supera la paura, e l'ansia, a costo di enorme fastidio, non ci sono grandi rivelazioni. Si prendono solo le cose per quello che sono. E si fanno, quando e se si vogliono fare, per scelta, non perché ciò reca fastidio.

Io personalmente mi lamento poco adesso, dato che ho provato quasi tutto e più o meno ho quello che mi serve (non è tanto, ma meglio di niente).
La realtà è spesso deludente.
>> Num. 29216 quick reply
  >>29213
>> Num. 29217 quick reply
Vediamo un po' alcuni punti di vista sulla questione:

- Per approcciare un problema bisogna VOLERLO fare, e se non vuoi farlo non c'è verso. Serve la motivazione.

- SISTEMARE i problemi è il modo in cui si impara. A fare errori e basta non si impara.

- Se sei già esperto, se vuoi fare qualcosa, cerca di farlo bene la prima volta, altrimenti ti toccherà farlo tante volte finchè non verrà bene.
>> Num. 29218 quick reply
>>29215
>Parti da 0 e ottieni 50 dopo anni, in mezzo a gente che è partita anni prima di te, e ti guarda storto e giudica senza sapere niente
Hai ragione, meglio rimanere a zero ma col culo al caldo in cameretta e il cinismo autodistruttivo.
>Arrivare alla "cima" a 25 anni o a 34 anni non ha una grande importanza, lo ha solo per chi vi sta attorno e vi giudica
Io ora ho 25 anni, più o meno come op, mi stai forse dicendo che starmene altri 9 anni senza fare sostanziali passi avanti non ha una grande importanza? Un anno della tua vita vale così poco? Io personalmente mi sono rotto il cazzo ora, figurati a 34 anni come starei messo.
>E si fanno, quando e se si vogliono fare, per scelta, non perché ciò reca fastidio
Non ho mai detto che vanno fatte per il fastidio, ho detto il contrario: non vanno evitate per il fastidio.
Poi sarebbe interessante discutere della differenza fra fatica e fastidio. Per me il secondo presuppone l'agire controvoglia, la prima no, anzi può essere catartica e portare soddisfazione. Non c'è soddisfazione a sopportare un fastidio. Quindi per me stiamo parlando di due cose leggermente diverse che riflettono la nostra visione della crescita, visto anche il fatto che citi la paura come principale motivazione.
>La realtà è spesso deludente
Questo dipende dalle aspettative. Credo anche che faccia una bella differenza se le aspettative le hai su te stesso o sulla realtà.
>Arrivare alla "cima"
Qui secondo me sta il punto: di che "cima" parli? Il sesso? Una relazione? Imo non esiste una cima, a meno che non te la crei tu con le tue aspettative, ma se è raggiungibile a 25 anni, lasciamelo dire, è la cima sbagliata. Se dai per scontato che quella cosa x è la cima perché dovresti raggiungerla, soprattutto così giovane? Dopo non ci sarebbe niente di paragonabile, e grazie al cazzo se alla fine la realtà ti delude.
Io non parlo di cime, parlo di crescita e quella non si ferma mai.
>>29216
Blessato Scooby. Il fallimento ha indubbiamente un valore educativo.
>>29217
>SISTEMARE i problemi è il modo in cui si impara. A fare errori e basta non si impara
>Fare errori è il modo in cui si manifestano i problemi
>Sistemare i problemi è il modo in cui si mette in pratica quello che si ha imparato
Fissato.
>Se sei già esperto
>cerca di farlo bene la prima volta
Non computa.
>> Num. 29219 quick reply
File 163908137249.png - (400.25KB , 602x366 , gable.png )
29219
>>29218
Bisogna vedere quali obiettivi si pone OP.

Io ho agito controvoglia su un mucchio di roba, solo perché "DEVO" fare delle cose imposte dai tizi che uno frequenta, dallo sport di squadra (non me ne frega un cazzo di vincere a calcetto e dovete piantarla di incazzarvi se pretendete gente brava in campo, se voi ci giocate da quando avete 6 anni io invece no, e per correre vado a correre da solo fuori, succhiatemi il pisello) alle discoteche fino alle 6 di mattina portando sempre gente che non vuole guidare e tornando rintronato e buttando via metà giornata dopo, alle bevute di alcool marcio nei bar con conseguente vomito e schifo, alle figure di merda in strada con gli amici che cercando di rimorchiare le ragazze fallendo sempre.

Quella è crescita nel senso "sopportare un fastidio" cioè fare roba come se fosse un lavoro che non ti interessa ed è malpagato per farsi crescere la pelle dura e sopportare le pacche stoicamente, ma lo si fa solo "perché lo fanno gli altri ed è così che ci si deve divertire e non devi startene per i cazzi tuoi al computer".
O come quando si fa una università per anni perché "ti devi laureare".

8 anni di fastidi da sopportare pena l'esclusione sociale e il perculamento totale, uno arriva a un punto che dice è meglio incazzarsi e cambiare gente completamente anche a costo di farsi perculare.

Quindi è stato molto meglio smettere di fare progressi mediocri nello sport di squadra, finire l'università il prima possibile, e adesso grazie all'epidemia smettere con le discoteche e i bar, smettere di stare in mezzo alla strada al freddo il sabato sera con gli altri tizi, buttare via ogni forma di roba alcolica, e fare solo attività fisica che piace e interessa.
E se uno non ha interesse ad andare dietro alle ragazze belle, uscendo con quelle brutte senza obbligo di sesso, va bene anche quello.
>> Num. 29220 quick reply
>>29218
>Dopo non ci sarebbe niente di paragonabile, e grazie al cazzo se alla fine la realtà ti delude.
>Io non parlo di cime, parlo di crescita e quella non si ferma mai.
Ma anche un tumore cresce ed è deleterio. Tu parli di crescita, quindi sia positiva che negativa per la persona? perché è come parlare di lavorare 8 ore al giorno facendo un lavoro che non piace e stimola, contro parlare di un lavoro che si fa che però piace almeno un po' e può essere stimolante.
Magari passare da fare il tecnico dei computer a fare le pulizie nelle case di riposo non è considerabile come crescita positiva.
>> Num. 29221 quick reply
>>29220
Ma perché tirate in ballo il lavoro e i maledetti confronti sociali? Io sto parlando più ad un livello psicologico, qualcosa che ti porti dentro.
>Tu parli di crescita, quindi sia positiva che negativa per la persona?
Una crescita per definizione non può essere negativa, a meno di parlare per eufemismi aziendali. Però certamente la crescita non è scontata e si può peggiorare nel corso degli anni, di esempi ce ne sono quanti ne vuoi.
>>29219
Anon hai riempito il post di lamentele verso una vita che non ti piaceva, ma per cambiarla hai dovuto aspettare dei fattori esterni. Non hai fatto fatica per uscirne, ti sei sobbarcato il peso come un fastidio, parliamo di due cose opposte. Adesso sei qui ad autocommiserarti e a dispensare cinismo perché ti sei tenuto una compagnia di merda, tossica e incline al bullismo (da quanto ti pesa essere perculato sono certo che è così).
In realtà ti capisco, per me è stato difficilissimo staccarmi dalla cumpa del paese con l'alternativa della cameretta. In gioventù non ho cambiato scuole proprio soppesando lo spostamento con l'essere preso in giro. Una delle più grandi cazzate della mia vita.
>> Num. 29222 quick reply
>>29220
Mi ero perso questo:
>Io non parlo di cime, parlo di crescita e quella non si ferma mai.
Qui mi sono spiegato male, non è la crescita in positivo che non si ferma mai, sono le tappe, le "occasioni" di crescita. Ognuno di noi dovrà cambiare la propria più volte, anche radicalmente: con le giraffe, i lavori, la pensione, per qualcuno i figli, la moglie, la ex moglie, gli amici che vanno e vengono, i nipoti. Finchè non crepi devi andare avanti. E non c'è una cima dove quando arrivi è finita e scendi. Come visione della vita (a forma di montagna) da una parte è terribile, dall'altra è molto semplice e chiara. Non è un continuo sali-scendi, una successione di difficoltà grandi e piccole, è solo un enorme problema che devi sopportare fino ad un certo punto e poi hai scollinato, c'è una lenta discesa. In fin dei conti non è una bella prospettiva.
>> Num. 29223 quick reply
File 163913590186.png - (343.18KB , 620x338 , 15.png )
29223
>>29221
>Non hai fatto fatica per uscirne, ti sei sobbarcato il peso come un fastidio, parliamo di due cose opposte
Ci sono fastidi costruttivi (paura e ansia nel guidare facendo schifo all'inizio e poi dopo anni riuscire a diventare competente nella guida, paura e ansia nel fare colloqui di lavoro e sbagliarli) e fastidi non costruttivi (prendere palloni in faccia ogni volta, o pestoni ogni volta, per anni facendo schifo e poi solo un po' meno schifo, andare in discoteca ad annoiarsi e bere solo perché nessun altro in un gruppo ha idee diverse su cosa fare).

OP dovrà decidere se fidanzarsi (o solo anche fare sesso) con quella ragazza di cui parla sarà un fastidio costruttivo o non costruttivo per lui, per i propri obiettivi.
Ora non è più tempo di lamentarsi, è tempo di agire. Come agire, scegli tu. L'importante è che tu sia consapevole e in controllo della situazione.

Finchè ci sono quelli che si ricordano ciò che era, ci sono quelli non vorranno accettare quello che può essere. Loro resisteranno. Un negro ricco in Louisiana è comunque un negro, ma in Africa può diventare un consigliere benevolo, un benefattore.
>> Num. 29256 quick reply
File 164098210638.png - (189.42KB , 512x468 , 1.png )
29256
Come sta andando con le relazioni?
>> Num. 29258 quick reply
File 164184353151.jpg - (18.66KB , 265x276 , 0739.jpg )
29258
E niente, aggiornamento veloce e forse anche dovuto, per i soffici anon che in questi mesi hanno dato il loro apporto al thread.


Durante le feste è tornata dai suoi e nel frattempo io mi son beccato il covid non potendola vedere il 31 quando sarebbe tornata in aereo alle 23:30.
Dal precedente post ci siamo visti 5 volte di cui l'ultima questo fine settimana.
La situazione non è cambiata molto, mi spiego.

Sentimentalmente direi che è sempre molto presa, ci siamo fatti anche dei regali di Natale (seppur stupidi) e nel periodo di "vuoto" ci tenevamo spesso aggiornati su come stessimo passando il periodo di ferie / malattia.
Dal punto di vista sessuale invece nulla di nuovo, se non che è arrivata a massaggiarmi il pene attraverso le mutande, senza però accennare al levarle. Certo, avrei potuto farlo io, ma in quel momento mi sono imposto che dovesse essere lei ad avere l'iniziativa, giusto per cercare di spingerla ad essere più proattiva.
Nel frattempo però il problema erezione rimane, nel senso che nella situazione appena descritta c'è giusto un barzottino e i tempi (troppo?) prolungati prima di arrivare al sodo forse non aiutano.

Credo che gliene parlerò direttamentamente nei prossimi giorni appena la rivedrò, anche perché vorrei sapere che idea si sia fatta lei riguardo ciò.


>>29219
L'unica cosa "controvoglia" che mi son dovuto spingere a fare era l'uscire dalla comfort zone e convincermi quelle 3/4 volte di incontrare una nuova ragazza per vedere come sarebbe finita. Seppur ogni volta con esiti completamente diversi, a fine serata ho sempre pensato che ne fosse valsa la pena.
Ora invece questo discorso direi non mi tange, anzi, ogni successiva uscita è sempre attesa con entusiasmo e nonostante le difficoltà posso ritenermi comunque felice di tutto quello che mi sta succedendo.
>> Num. 29259 quick reply
>>29258
>era l'uscire dalla comfort zone e convincermi quelle 3/4 volte di incontrare una nuova ragazza per vedere come sarebbe finita
E ora che hai visto come è finita, che conclusioni hai tratto? Io ho visto un mucchio di roba.
Ho tratto delle conclusioni.
[Indietro] [Thread intero] [Ultimi 50 post]


Cancella post []
Password  
Segnala post
Motivo