-  [WT]  [Home] [Manage]

[Indietro] [Visualizza tutto] [Ultimi 50 post]
Modalità post: Risposta
Email b i u s sp
Soggetto   (risposta a 27772)
Messaggio
File
URL File
Embed  
Password  (per cancellare post e file)
  • Tipi di file supportati: GIF, JPG, MP3, PNG, SWF
  • Massima dimensione del file 8000 KB.
  • Le immagini più grandi di 250x250 pixel saranno ridimensionate.
  • Ci sono 1129 post unici. Vedi catalogo

  • Blotter aggiornato il: 2017-10-11 Vedi/Nascondi Vedi Tutti

File 158868213559.png - (13.98KB , 882x758 , fils.png )
27772 Num. 27772
Ciao anonimi.
Sono innamorato(?) della mia migliore amica, lei è l'unica persona oltre alla psyco con cui riesco ad aprirmi e parlare di me ed è il fulcro delle mie amicizie.
Lei si dovrebbe sposare, data da destinarsi, ma realisticamente entro un anno.
Fra loro due c'è qualche attrito. Mi ha praticamente detto che sono in grado di darle quello che lui non riesce e che la donna che mi prenderà sarà una donna fortunata.
Fra di noi c'è un buon rapporto fra affinità e complementarietà, abbiamo una sensibilità simile e per altri aspetti siamo opposti ma non in opposizione.
Qualche mese fa una sera una nostra amica ci ha detto scherzando che in due facciamo una persona normale. A me si è chiuso lo stomaco.

Lui mi sta pure simpatico e lo considero un amico. Le volte che mi sta sul culo riconosco che è solo gelosia.

Sul piatto c'è buona parte della mia intera vita sociale, quel poco, e non perché lei mi allontanerebbe (potrebbe, ma la conosco e non credo) ma perché lo farei io.
Non so che cazzo fare. Più ci penso e più mi sento solo.
Espandi tutte le immagini
>> Num. 27773 quick reply
Visto che non siamo su /rd/, convincimi che non è una pasta.
>> Num. 27774 quick reply
Mi dispiace dirlo OP, davvero, perché ci sono passato anche io.
Sei il suo supporto emotivo e lei pensa di essere lo stesso per te, tu non hai nessuna possibilità con lei.
Se così non fosse lei non starebbe per sposarsi e probabilmente quelli che tu individui come attriti sono normali antagonismi tipici di una sana vita di coppia, ricorda che la tua interpretazione della situazione è falsata dalla tua condizione.

Puoi fare la scelta ardua e altruista, ovvero costringerti a fottesegare ed impegnarti a diventare indipendente nella tua cerchia sociale, a trovare qualche attività sociale in cui lei non è inclusa, più in generale ad intraprendere un graduale distaccamento emotivo da lei;
oppure puoi fare la scelta stupida ed egoista, cedere ai tuoi sentimenti di attaccamenteo e paura dichiarandoti, con conseguenti psicodrammi/merdaspettacolo.

Entrambe le scelte portano ad una distruzione del parassitismo reciproco in cui vi trovate ora e ciò è un bene, ma sta a te scegliere cosa diventerai quando ne sarai uscito, secondo la strada intrapresa.
>> Num. 27775 quick reply
>Sul piatto c'è buona parte della mia intera vita sociale
Cambia piatto, e mettici sopra altre persone che formino la tua vita sociale.
Non é facile, ma ci si può riuscire con tempo e pazienza.
Fonte: uno che ha cambiato gruppi di amici varie volte in vari anni
>> Num. 27776 quick reply
>>27773
Niente pasta, ho finito il sugo.

>>27774
>la tua interpretazione della situazione è falsata dalla tua condizione
Ne sono consapevole.
Quanto agli attriti in pratica sono la constatazione della limitatezza empatica di lui, a monte e a priori degli scazzi e delle litigate. Poi il peso di questa cosa, per la regione che hai detto, non lo posso giudicare obiettivamente.
>parassitismo reciproco
Stavo per andarti contro, ma mi sa che hai ragione. Però se lei non mi piacesse sarebbe solo una forte amicizia.

A volte ho l'impressione che ci sia un grosso non detto fra noi due, ma forse è solo un desiderio.
Non ho intenzione ti tirare la bomba, in ogni caso farei del male a me e a lei, soprattutto se qualche sentimento reciproco c'è davvero.

>ci sono passato anche io.
Tu che hai fatto?
>> Num. 27777 quick reply
>>27775
Ma cazzo è il primo gruppo di persone che frequento ad non essere disfunzionale e che mi aiuta davvero a migliorarmi e devo andarmene quando i rapporti non sono nemmeno rovinati.
Porco dio.
>> Num. 27778 quick reply
>>27777
Vero, ma d'altra parte hai trovato nel gruppo una che ti destabilizza troppo.
Trova un modo di starci amico senza avere la faccia di quel Wojak li sopra, altrimenti dovrai cambiare gruppo ancora.
Altrimenti potresti uscire solo con una parte del gruppo dove le controparti che hanno problemi relazionali non si incontrano (ad esempio: un ragazzo e una ragazza che ora sono ex e non vogliono più vedersi escono con la metà del gruppo dove l'altra persona non c'é)
>> Num. 27779 quick reply
>>27774
>parassitismo reciproco
Adesso dimmi quando è amicizia e quando parassitismo.
>> Num. 27780 quick reply
>>27776
Prima sono scappato senza affrontare realmente la situazione, fuggendo la cerchia sociale. Dopo quasi due anni, con la cerchia in disgregazione e lei in una relazione con gli stessi problemi che hai descritto ho usato in maniera semi-conscia la nostra dipendenza reciproca, nel mio caso amore(?) e nel suo dipendenza emotiva, per diventare intimi e poi l'ho costretta a scegliere con chi stare quando non ho più retto il fatto di essere l'altro, il rifugio. Ed ha scelto me. Ti lascio immaginare come è andata la nostra relazione con queste premesse.
>> Num. 27781 quick reply
>>27780
Boh com'e' andata? Secondo me un sacco di gente non e' felice nelle relazioni attuali. E parlo di gente che e' vicina al matrimonio. Alcune persone vanno avanti per inerzia, perché' non c'e' niente che le scuote.
Secondo me op la bomba dovrebbe tirarla. Non davanti a tutti certo, e poi a seconda di come va puo' decidere se continuare o mollare la cerchia. Ma dire "no Maria io esco" senza aver provato a fare qualcosa o a cambiare qualcosa, secondo me non ha senso.
>> Num. 27782 quick reply
>>27778
il gruppo è piccolo e relativamente sparso, quando ci troviamo siamo tutti lì

>>27780
ritratto quello che ho detto prima, non è parassitismo, eravamo parecchio intimi già prima che iniziasse a piacermi, anche per questo percepisco un non detto
chiamarlo parassitismo sarebbe buttare merda su anni di amicizia, anche se ora come ora ci sono tutti i presupposti per cui lo diventi
also come è andata?

>>27781
>Secondo me op la bomba dovrebbe tirarla
non ora, devo farmi una idea più chiara della situazione, ora farei solo casini
non ho neanche intenzione di mollare il gruppo di punto in bianco, non sono pronto e dovrei troncare unilateralmente una rapporto importante per entrambi senza dare giustificazioni
sto pensando di confidarmi con un'amica del gruppo per sondare il terreno o cercare consigli
>> Num. 27783 quick reply
>>27779
Amicizia: usciamo assieme per parlare di vari interessi comuni.
Parassitismo: usciamo assieme e tu mi porti in giro con l'auto perché io non ho la patente e andiamo dove dico io ogni volta e con chi dico io.
>> Num. 27784 quick reply
  >>27780
>>27782
I primi mesi sono stati il mio periodo più felice. Per me l'amore si è sempre manifestato con il dedicarmi all'altra persona, ed essendo lei bisognosa e dipendente dal mio affetto è stato un momento di unità e di complicità fortissimo. Non so se mi abbia mai amato pienamente come io ho fatto con lei, ma certamente in quel periodo tutto ciò che mi ha dato mi bastava. Dopodiché sono apparse le crepe nello specchio. Io volente o meno rimango anon adesso come allora, prima non ero stato né uno sburrakuli né uno con la tipa dalle superiori. E lei così emotivamente fragile è sempre stata troppo concentrata su se stessa, sul suo personale sentire. In definitiva la mia incapacità, inesperienza e paura di prendere ciò che avevo e la sua cecità al mio sforzo hanno distrutto la nostra possibilità di stare insieme nel giro di un paio di anni. Io ne uscii disintegrato, sono sparito dalla sua vita per quasi i tre anni successivi, passati ad avere rimorsi sul nostro comportamento e a pensare che il nostro fallimento fosse tutto causa di una sua paura a legarsi realmente a qualcuno, che se solo avesse voluto avremmo potuto realizzare quelli che erano i miei sogni. Ci siamo reincontrati a causa del matrimonio di un amico comune l'anno scorso, e dopo un'ultima ricaduta alla fine della quale le ho esplicitamente di negarmi la possibilità di quanto scritto nella frase precedente, sono riuscito a liberarmi di quella che per me era diventata una maledizione. In definitiva la cosa non ha funzionato sia perché la partenza è stata tropo convulsa, con un bagaglio di amicizia precedente troppo pieno, sia perché nel momento in cui è accaduta noi non siamo risultati abbastanza pronti, abbastanza adulti, da farla funzionare.

Ad oggi, nonostante sia probabilmente stata l'esperienza più dolorosa della mia vita, non la rinnego. Con il senno di poi mi ha permesso di comprendere l'amore verso un'altra persona, mi ha chiarito alcuni aspetti manipolativi e superbi ed altri infantili e insicuri del mio essere. Mi ha anche lasciato una brutta cicatrice che mi rende estremamente difficile cercare e iniziare relazioni romantiche: dopo di lei finora non sono mai andato dopo la terza, quarta uscita. Penso che anche a lei sia servita, in quell'ultima seria discussione mi è sembrata diventata più indipendente, finalmente non più vampira di affettività. A oggi tende a scrivermi lei sporadicamente, una volta ogni uno o due mesi, e ci vediamo quando capita per conoscenze comuni.

Disclaimer: quanto scritto sopra basta e avanza per un autospottaggio da manuale e so per certo che miei conoscenti vaga(va?)no per questi lidi. Un po' di riserbo sarebbe gradito, grazie.

>>27779
Due amici sono due persone il cui rapporto è chiaramente per entrambi di affetto reciproco non romantico.
L'amicizia è con chi non senti mai ma sai che ci puoi contare, il perdono dopo la cazzata immane, trombare per puro sollazzo ed ascoltare, consigliare quando viene espresso un'interesse verso altri. L'amicizia è il mantenere la distanza quando ti viene chiesto.

Parassitismo lo intendo nella concezione biologica del termine, non in quella negativa colloquiale. Se è ovvio che la donna di OP lo sfrutta per sopperire alle mancanze empatiche dell'attuale compagno, è anche vero che OP stesso la sfrutta per avere riconoscimento del proprio ruolo ed un oggetto del desiderio, una motivazione per esprimere emozioni forti e sentirsi vivo. La responsabilità, non colpa parliamo di un normale comportamento umano, è di entrambi. Entrambi sono consapevoli della situazione attuale, ed entrambi non hanno ancora fatto nulla per cambiarla perché in fondo finora hanno ricevuto abbastanza, la ragazza come attenzione e validazione ed OP come riconoscimento ed importanza nel ruolo attuale.

OP se ora a te non va più bene questa situazione se tu a doverti muovere in un modo o nell'altro, manifestando questo bisogno o eliminandone la fonte.
E non venirmi a raccontare che lei non ne sa nulla e non se lo aspetterebbe mai, spero che la persona che desideri non sia stupida e/o narcisista a tal punto.

>>27783
Quello non è parassitismo, è pittura relata.
>> Num. 27785 SABBIA! quick reply
>>27784
Typo: di perdere ciò che avevo, non prendere. Tranquilli, abbiamo scopato come ricci.
>> Num. 27786 SABBIA! quick reply
>>27784
typo2.0:
>le ho esplicitamente di negarmi la possibilità di quanto scritto nella frase precedente
Le ho esplicitamente chiesto di confermarmi l'impossibilita di
>> Num. 27787 SABBIA! quick reply
Ubriacatevi. Scopate. Ti passa.
>> Num. 27788 quick reply
>>27785
>>27786
Facevi prima a deletare e scrivere tutto daccapo.
>> Num. 27789 quick reply
Il fatto che quello che chiami fulcro delle tue amicizie sia l'unica persona con cui ti trovi bene e che ti dà delle attenzioni, cosa che ti ha causato l'innamoramento, la dice lunga sull'effettiva qualità del resto delle tue amicizie. Non credo che i suoi amici siano realmente tuoi amici.
So cosa vuol dire essere innamorato di una ragazza che è anche un'ottima amica. Devi renderti conto che finché la vedrai starai di merda.
Premesse queste cose, la miglior cosa da fare è abbandonarla. Si lo so ti sembra una cosa impossibile vivere senza vederla, anche a me lo sembrava quando mi trovavo in questa situazione, la realtà è che sei solo inebriato e assuefatto e che se oggi ti allontani nel giro di qualche mese di lei non te ne fregherà più un cazzo. Garantito al limone.
>> Num. 27790 quick reply
op qui
>>27784
>nonostante sia probabilmente stata l'esperienza più dolorosa della mia vita, non la rinnego
Questo è buono anon.
>Parassitismo lo intendo nella concezione biologica del termine
Allora la parola che cerchi è simbiosi/mutualismo, presente in qualsiasi relazione umana (può comunque essere patologico, eh). Nel tuo caso da come ne parli sembra che lei otteneva quello di cui aveva bisogno e ti dava molto poco, quindi più parassita che mutuale. Nel mio caso non so giudicare, non mi sento così dipendente (sa di ultime parole famose, me ne rendo conto), ma come ho già detto ci potrei cadere tranquillamente se dovessi investire di più.
>spero che la persona che desideri non sia stupida e/o narcisista a tal punto
non è nè stupida nè narcisista, penso che se ne sia accorta in qualche misura.

>manifestando questo bisogno o eliminandone la fonte
Incomincio con il metterla davanti al fatto che mi sono trovato in una posizione passiva che non mi spetta e che, data la mia passività, diventa disfunzionale e poi scomoda nel momento in cui me ne accorgo.
Mi rendo conto che non sono abbastanza indipendente per una relazione matura.

>>27789
>la dice lunga sull'effettiva qualità del resto delle tue amicizie
Purtroppo questa è responsabilità mia.
>la realtà è che sei solo inebriato e assuefatto
Molto possibile, provo qualcosa per lei da tanto tempo e questi sentimenti si erano spenti, lo spiraglio che mi ha mostrato li ha riaccesi.
>> Num. 27791 quick reply
>>27784
dimenticavo
>bagaglio di amicizia precedente troppo pieno
cosa intendi?
>> Num. 27792 quick reply
Se vuoi la mio opinione, molte relazioni vanno male a causa di sta cazzo di regola dell'amico che va tanto in Italia. "Se sei amico non puoi essere partner e cazzi e mazzi". Quindi una donna (o un uomo) va a cercare una nuova conoscenza, che non conosce, invece che un'amico/a di vecchia data per intrecciare una relazione. Col risultato finale che si trova poi con una persona che non conosce in fondo, con cui non condivide interessi e che, in generale, non piace, a parte l'iniziale attrazione fisica. Con un amico puoi avere un sacco di scazzi e riconciliazioni, perché alla fine sono amici e agli amici si perdona. Nelle relazioni questa cosa diventa sempre piu' rara perché sono relazioni tra praticamente sconosciuti. Quindi al primo scazzo ciao e ognuno per la sua strada. Una mia collega doveva sposarsi quest'anno, l'anno scorso ha scelto di andare in UK e non sposarsi piu'. Quando le ho chiesto il motivo, mi ha detto che non era sicura della sua scelta, di aver scoperto cose sul suo uomo che non sapeva (per esempio che lui aveva due figli "segreti") e che non sentiva di aver vissuto la vita come l'aveva vissuta lui. Era un uomo che a me stava simpatico sinceramente, ma che lei aveva conosciuto e scelto come partner in poco tempo, mentre questo tipo era in viaggio. Secondo me se avesse avuto come partner un amico che conosceva bene non avrebbe certamente avuto di questi problemi. Anzi, io dico, sceglietevi come partner degli amici/amiche, perché una volta che l'attrazione iniziale verra' meno (e verra' meno) non ci sara nient'altro a reggare la relazione.
>> Num. 27793 quick reply
>>27792
>regola dell'amico
IN CHE SENSO?
>> Num. 27794 SABBIA! quick reply
  >>27793
sei serio?
>> Num. 27795 quick reply
>>27792
QUESTO PORCODDIO. AGGIUNGO PURE QUEL CANCRO DI TINDER.
E aggiungo pure che quel pentito di Max Pezzali sposò quella che considera la sua migliore amica e che conosce da una vita. Quindi criminale perché ha messo i vermi nel cervello delle ragazzine e dei ragazzini dell'epoca e pentito perché alla fine non ci crede neanche lui alle stronzate che scrive.
>> Num. 27796 quick reply
>>27795
>non ci crede neanche lui alle stronzate che scrive.
Benvenuto nel mondo della musica.
>> Num. 27797 quick reply
>>27794
E credi che Max abbia obbedito a quella regola?
>> Num. 27798 quick reply
>>27797
Lui no, ma abbastanza gente sembra crederci.
>> Num. 27799 quick reply
>>27792
ma infatti questa cosa non l'ho mai capita, ok che esporsi può potenzialmente rovinare un'amicizia ma non vedo come conoscere bene una persona sia un male per una relazione
su cosa dovrei basare un rapporto a lungo termine? sulla novità?
>> Num. 27800 quick reply
>>27799
Non ci sono rapporti a lungo termine e le persone cambiano. A meno che non sei una spugna, non puoi stare con nessuno per lungo tempo.
>> Num. 27801 quick reply
>>27800
lima un po' gli assoluti e siamo anche d'accordo
poi alcuni fortunati cambiano insieme altri se lo raccontano per non crollare
>> Num. 27802 quick reply
>>27801
Nah, non c'è niente da limare. L'essere umano non è una specie fatta per stare insieme per lungo tempo. La relazione lunga è un meme.
>> Num. 27803 quick reply
File 158902296121.jpg - (85.26KB , 746x982 , determined.jpg )
27803
op qui
non ce la faccio più
stasera tiro la bomba
>> Num. 27804 quick reply
per dio ma quanti anni hai? domanda seria.
>> Num. 27805 quick reply
>>27803
Non fare la cazzata, tirati una pippa, per la miseria.
>> Num. 27806 quick reply
>>27804
25, perché?

>>27805
La pippa non mi cambia un cazzo anon.
Ingoiare tutto e starle vicino a farmi venire un'ulcera non mi va, e nemmeno sparire dalla sua vita di punto in bianco senza dire un cazzo.
Se vengo rifiutato ci starò di merda, cosa che succederà comunque se sto zitto. Almeno per una volta avrò un rimpianto in meno.
>> Num. 27807 quick reply
>>27803
ma la vedi di persona? Queste cose per via indiretta non so se e' il caso, anche se tuttavia si supera quell'imbarazzo di essere faccia a faccia.
>> Num. 27808 quick reply
>>27807
Di persona è dura con la quarantena, la sento in webcam.

Comunque ho rimandato ai prossimi giorni, ho postato prima di organizzare. Stasera sento una nostra amica e chiedo consigli, ma penso proprio che le dirò tutto.
>> Num. 27809 quick reply
>>27806
>25
E' l'età in cui inizi ad avvicinarti ai 30 anni ed é per questo che cominci ad avere angosce di vario tipo.
Di sicuro hai questa domanda che ti martella: lei potrebbe starci se le chiedo?
La risposta la puoi avere in un solo modo.
>> Num. 27810 quick reply
>>27809
Oltre al fatto dei 25 anni, non ho mai avuto esperienze relazionali (kissless e salcazzo). Per via della mia insicurezza e autostima inesistente non mi sono mai esposto con nessuna, ora ne sento il bisogno e come ho già detto se la lascio andare senza fare niente andrebbe diritta in cima ai miei rimpianti.

>lei potrebbe starci se le chiedo?
Io sono sicuro che del sentimento per me c'è, sarei infinitamente più fiducioso se non fosse fidanzata.
>> Num. 27811 quick reply
>>27810
Nulla le impedisce di lasciare il ragazzo attuale amichevolmente, per poi cercare qualcun altro.
>> Num. 27813 quick reply
OP, tutto bene?
>> Num. 27814 quick reply
>>27813
domani vuoto il sacco
fatemi gli auguri
>> Num. 27818 quick reply
>>27814
Facci sapere OP.
>> Num. 27819 quick reply
>>27814
Quindi?
>> Num. 27820 quick reply
>>27818
>>27819
è andata male
seguirà un post più dettagliato, ora ho bisogno di raccogliere le idee
non rimpiango di averlo fatto
>> Num. 27822 quick reply
>>27820
Bravo OP.
Virtual hug.
>> Num. 27836 quick reply
File 158974414932.jpg - (15.71KB , 500x465 , know.jpg )
27836
Op qui, e alla fine delivera.

Nei giorni precedenti a >>27803 sono arrivato ad un punto critico, non riuscivo a togliermela dalla testa, pensavo a lei in continuazione, la sensazione che ricambiasse alimentava l'ossessione come benzina sul fuoco, non ce la facevo più.
A questo punto le strade erano tre: mandare giù tutto sperando che non spuntasse fuori una terza volta (lo avevo già fatto tempo fa), scappare e nascondere, o tirare tutto fuori. Scappare e fare terra bruciata tutto intorno mi avrebbe distrutto, molto più di un rifiuto, sarei tornato solo come un cane a ricominciare tutto da capo. La scelta è stata ovvia. Una delle pochissime scelte che abbia preso davvero per me stesso nella mia vita.
Con mia enorme sorpresa una volta deciso non ho mai provato l'impulso ad ad evitare che ho ad ogni situazione stressante, c'era ansia, pressione, ma mai evitamento. Per come sono è una cosa enorme.

Abbiamo parlato di persona.
In parte ci ho visto giusto: lei qualcosa per me lo prova e si è accorta che anche io sentivo qualcosa. Solo che da parte sua non c'è l'intenzione di trasformarlo un una relazione. Su questo è una ragazza particolare, riesce a tenere insieme molti sentimenti per persone diverse, anche molto forti. Questa sua caratteristica non mi aspetto venga compresa da due righe in un post su un chan anonimo, credetemi sulla fiducia.
Mentre parlavamo ero calmo, deluso e triste, ma calmo e per niente imbarazzato, lei è una delle persone migliori con cui avere quella conversazione.
Da parte sua non ha chiuso nessuna porta, mi lascia il mio tempo e non la sentirò per un po'. Probabilmente con un'altra persona sarebbe finita diversamente, se non fosse stata lei non so se avrei avuto quella conversazione per iniziare. Entrambi teniamo tanto al nostro rapporto, siamo importanti l'uno per l'altra e neanche io voglio uno strappo. Mi prenderò il mio tempo e vedrò come si evolve la cosa.
Non ci sto minimamente male quanto pensassi, in realtà non so se un buon segno o no.

Vediamo se mi spottano.

>>27822
Feel you bro
>> Num. 27837 SAGE! quick reply
>>27836
>prova qualcosa
>non vuole relazione
lol
>> Num. 27838 quick reply
>>27837
>non mi aspetto venga compresa da due righe in un post su un chan anonimo
appunto
>> Num. 27839 SABBIA! quick reply
Su /bi/ i fili o sono trollate o volano.
>> Num. 27840 quick reply
File 158980095620.jpg - (61.63KB , 1280x720 , maxresdefault.jpg )
27840
>>27839
Storie di vita vissuta, che altro?
[Indietro] [Thread intero] [Ultimi 50 post]


Cancella post []
Password  
Segnala post
Motivo