-  [WT]  [Home] [Manage]

[Indietro]
Modalità post: Risposta
Email b i u s sp
Soggetto   (risposta a 3962)
Messaggio
File
URL File
Embed  
Password  (per cancellare post e file)
  • Tipi di file supportati: GIF, JPG, MP3, PNG, SWF
  • Massima dimensione del file 4000 KB.
  • Le immagini più grandi di 250x250 pixel saranno ridimensionate.
  • Ci sono 478 post unici. Vedi catalogo

  • Blotter aggiornato il: 2017-10-11 Vedi/Nascondi Vedi Tutti

File 156033313623.png - (12.91KB , 650x350 , lxc1.png )
3962 Num. 3962
E niente Anon, voglio sprecare qualche minuto per parlarti della mia nuova configurazione Linux, magari interessa.
La premessa è che mi sono rotto le scatole di Windows e ho deciso di passare a Linux una volta per tutte. Sono un programmatore e Linux è sempre stato il mio ambiente per lavoro, ma facevo uso di entrambi perché non volevo rinunciare completamente ai giochini.

Ora, avere un dual boot sul fisso è scomodo come lammerda, per cui il mio scopo era quello di avere un unico Linux con due "macchine virtuali", una per lavorare e una per giocare. Non mi piaceva l'idea di installare tutto insieme sul Linux "padre" perché autism.
Ho scoperto LXC/LXD ed è stato amore a prima vista. In pratica puoi creare dei container che si comportano come macchine virtuali, ma che hanno praticamente zero overhead e che possono avere accesso diretto e non esclusivo all'hardware, inclusa la VGA. Immagina un Docker, ma fatto più per il deploy di una VM anziché di singole applicazioni.

La config è così strutturata:
-Un SSD da 1 TB comprato appositamente, visto che ora si trovano a <150€. Anche se 512GB mi sarebbero bastati.
-SSD diviso in due partizioni: quella di /boot/ e una partizione LUKS + LVM così è tutto criptato a livello di sistema autism strikes again, il setup l'ha fatto direttamente Ubuntu così non sono impazzito.
-la partizione LVM è divisa in tre, una ext4 per la root, una ext4 per /home, e una btrfs per i container (ci vuole la btrfs). Le partizioni le ho dovute aggiustare a mano (il setup di Ubuntu ne crea una unica) ma c'ho messo davvero poco.

A questo punto ho seguito codeste guide:
-setup lxd usando la partizione btrfs per lo storage dei container: https://discuss.linuxcontainers.org/t/need-help-setting-up-lxd-3-0-1-on-ubuntu-18-04/2452/3
-profilo per avere applicativi GUI nel container: https://blog.simos.info/how-to-easily-run-graphics-accelerated-gui-apps-in-lxd-containers-on-your-ubuntu-desktop/
-come passare un joypad al container: https://retropie.org.uk/forum/topic/21943/retropie-in-an-lxc-lxd-container-problem-with-usb-gamepad/5
e dopo un'oretta di smadonnamenti sono riuscito nel mio intento: ho lanciato un container su cui ho installato Steam e ho aperto Darkest Dungeon per offrire 4 eroi in sacrificio a divinità Lovecraftiane.

Sono andato a dormire felice e la mattina dopo ho creato un nuovo container, questa volta non per Steam e Discord, ma per il mio ambiente di sviluppo. C'ho messo letteralmente 20 minuti per avere un sistema pronto per lavorare, con tanto di cartella condivisa con il linux "padre" per praticità di scambio files.

E niente anon, anche se forse sono l'unico così tanto autistico, sono davvero soddisfatto.
>> Num. 3963 quick reply
Buh, buono.
>> Num. 3964 quick reply
Ok, ma con le prestazioni degli applicativi grafici come sei messo? Perché "zero overhead" mi suona un po' ottimistico.
Non avrei usato Ubuntu, ma qui sono gusti personali.
>> Num. 3965 quick reply
Colto dalla curiosità ho scaricato i benchmark della geek3D, so che non è il massimo ma non avevo lo scazzo di far girare tutta la phoronix test suite. I risultati li vedi nella seguente tabella:

nome nativo lxd
volplosion 4428 4404
furmark 8682 8501
tessmark 33036 32346
triangle 469648 469549

Praticamente sembra perdere al massimo un 2%. Ovvio che sono benchmark sintetici, ma credo diano una buona idea di cosa succede. Alla fine LXC se ho capito bene crea una jail che assomiglia a una chroot, quindi semplicemente fa girare software nativamente ma con qualche controllo extra. Probabilmente ci saranno un paio di conti da fare in più ogni volta che si fa una chiamata a una funzione del kernel, ma nulla di più.

Comunque ora sono preso bene e mi sto domandando se non sia il caso di creare anche un container per la navigazione in internet e l'uso di Telegram. Onestamente non credo abbia senso, tanto in genere non apro file a caso via Telegram e non navigo su siti che ti infettano usando exploit zero-day.
>> Num. 3966 SABBIA! quick reply
Prima di andare a dormire ho fatto andare anche l'Unigine Valley con 2x di Antialiasing, così tanto per. Ecco gli score:

3762.63 nativo, prima run
3683.52 nativo, seconda run
3655.96 LXC (unica run che c'ho sonno)

Abbiamo 3% di differenza con la prima run, 1% con la seconda. Non dico che sia nel margine di errore, ma quasi. Sono io stesso sorpreso e soddisfatto dal risultato.


Cancella post []
Password  
Segnala post
Motivo