-  [WT]  [Home] [Manage]

[Indietro] [Visualizza tutto] [Ultimi 50 post]
Modalità post: Risposta
Email b i u s sp
Soggetto   (risposta a 413276)
Messaggio
File
URL File
Embed  
Password  (per cancellare post e file)
  • Tipi di file supportati: GIF, JPG, MP3, PNG, WEBM
  • Massima dimensione del file 8000 KB.
  • Le immagini più grandi di 250x250 pixel saranno ridimensionate.
  • Ci sono 314 post unici. Vedi catalogo

  • Blotter aggiornato il: 2017-10-11 Vedi/Nascondi Vedi Tutti

File 154411823871.jpg - (1.37MB , 3264x2448 , IMG_20181201_073539.jpg )
413276 Num. 413276
Anon voleva qualche storia sulla georgia, e fra ieri ed oggi sono successe 3 cose che forse vi faranno dire.

La prima è che oggi è arrivato questo alto prelato, proprio ortodosso tutto in nero con un cappello rosso, codino, e macchinone. Non capisco bene cosa succede, ma tutti si rivolgono a lui come una persona importante, ci da dei bottiglioni vuoti che riempiano di vino di quello buono. Inizia a parlarmi, gli dico "ara kartuli" che significa che non sono georgiano. Iniziamo a parlare, mi dice che ha una sorella che canta alla scala, e se ne va col vino.

La seconde è che, sempre oggi, al posto dove lavoravo sono arrivate tre donne accompagnate da una giornalista inglese. A quanto pare, queste donne stanno studiando la resistenza della vite alla radiazione solare in quanto vogliono piantare piante su marte. Sarà. Spero di aver capito male.

La terza è successa ieri. Sono andato in questo centro commerciale, sembrava proprio un centro commerciale occidentale. C'era pure un wendy, in cui sono andato a mangiare visto che nella serenissima non ci sono. Decido di bilanciare questa decadenza con il picco della sovieticità: marshrutka. Una specie di metà via fra un autobus (percorso predefinito, tante persone) e taxi (quando vuoi scendere lo dici e scendi). E niente, esco da questo centro commerciale luminoso e ricco, e mi trovo gli autisti di questi minibus che hanno fatto un fuoco in un cestino del pattume e si stanno scaldando.


Questa è un'immagine di Tblisi alle 7 di mattina.
Espandi tutte le immagini
>> Num. 413277 quick reply
File 154411951952.jpg - (43.27KB , 369x450 , Lassie.jpg )
413277
>La prima è che oggi è arrivato questo alto pelato
>> Num. 413278 quick reply
>>413277
Grazie al tuo post ho capito che non era un alto pelato ma prelato
>> Num. 413279 quick reply
Io l'ho letto come "quest'altro pelato"
>> Num. 413281 quick reply
>>413278
>>413279
Magari era un prelato pelato
>> Num. 413282 quick reply
File 154412194118.jpg - (12.20KB , 320x180 , supermercato24_320-180_resize.jpg )
413282
Sbaglio o qualcuno ha detto PELATI FILO
>> Num. 413283 quick reply
File 154412340414.jpg - (24.16KB , 416x309 , Salvini pelato.jpg )
413283
>>413282
♫ Pelato pelato pelato
così carino così educato… ♫
>> Num. 413284 quick reply
posta moar anon, a me interessa
>> Num. 413293 quick reply
>>413284
Mboh, vediamo.

Stavo lavorando nella cantina in Kakheti, facendo poco o niente. Tre dei lavoratori mi chiamano (a gesti), ed andiamo col pick-up. Ci fermiamo in una casa in riparazione, salutano i due murer ed entriamo. Carichiamo due mobili sul mezzo, ma erano troppo lunghi e non si chiudeva, quindi li abbiamo bloccati con un cavo della corrente, tipo quelli usati per le lampade. E tutto funziona, il cavo regge e portiamo questi mobili (un armadio ed un tavolo, credo non ricordo) nella casa di questa nonnina, identica a quelle che vedi su google su cerchi babushka.

Ma in genere tutte le storie che mi sono rimaste sono basate sul fatto che la sicurezza sul lavoro è una cosa da porci capitalisti.

Come quando eravamo in gita da qualche parte con dei ragazzi dell'università per una summer school a cui sono andato, e colla corriera ci siamo bloccati in una strada perché i cavi della corrente erano troppo bassi.
A quel punto un ragazzo si alza, si arrampica sul tetto della corriera, e comincia a sollevare i cavi in modo ce la corriera possa passare.

Oppure quando siamo andati a raccogliere l'uva in casa di uno, che aveva le viti tipo da bellezza in alto ssu degli archi. Più o meno era mezzogiorno quindi prima ancora di lavorare siamo andati a mangiare pane e formaggio e bere vino. Eravamo ubriachi e c'era solo una scala, quindi decidiamo che uno usa la scala (che traballava) e due si mettono sul pick up che lentamente avanza. Però col pick up non arrivavamo a prendere le uve più esterne, quindi uno dei lavoratori si è messo con un piede sulla macchina e l'altra sulla recinzione.

Un'altra storia è quando sono andato con tre persone, un tedesco una svizzera ed una ceca, ad un festival locale del vino. Ma proprio locale, sembrava una sagra di paese se non più piccola. Il vino era un po' meh ma vabbeh, ci hanno anche dato un bicchiere da vino in omaggio. Cominciamo a girare e quasi l'ultimo stand è di uno che fa grappa del posto, 55% come da grappa friulana. Ci fermiamo, versa in maniera generosa, era buona. Tutto bene, bon.
Arriviamo in fondo e torniamo indietro, decido di fermarmi di nuovo e lui, dopo avermi detto che mi rispetta, versa ancora. Poi non mi ricordo molto, solo che ho mangiato questa specie di pane, ma in maniera molto lasca, ripieno di erbe locali e fritto.

Visto che ho parlato di cibo. Fra le cose tradizionali c'è questa specie di panzerotto, apparentemente tipico di tutti i paesi della zona, visto che la ragazza ceca lo conosceva. Oltre a queste erbette li ho trovati ripieni di patate (buoni, usano bene le spezie), carne e riso (uno dei cibi più da struggle contadina che ho mangiato, forse anche più della zuppa-spezzatino di frattaglie di pollo), e "vuoti" con la zucchero come merenda.

Ecco, questa cosa è importante. Se mai andate nei paesi dell'est, non fate quelle robe da borghese occidentale rispettosa delle altre culture come imparare la lingua o gli usi e costumi. Ascoltatevi Celentano (e forse Cutugno) e se chiedono qualcosa dite celentano italiano.
>> Num. 413296 quick reply
File 154418372664.gif - (629.93KB , 180x160 , Drama_prairie_dog.gif )
413296
>>413293
Ambientazione bucolica a parte, sembra la mia vita lavorativa IN ITALIA. Il lavoro fisico nelle piccole ditte è più o meno cuscì
L'unico racconto che mi ha stranito un po' è stato quello dei cavi elettrici anche se a me è capitato di lavorare sotto tensione e le mie sberle le ho prese
>> Num. 413298 quick reply
>>413296
Questo, le piccole ditte (ma anche le grandi spesso) son tutte così. A dire il vero tutto il mondo è così, siete voi che uscite poco dalle camerette e sudate solo davanti al pc a farvi le seghe.
>> Num. 413299 quick reply
>>413296
>>413298
Fioi io l'avevo detto che qui era come casa, e mi ero preso del fallito.

Comunque adesso sono in hotel e la stanza è un mindfuck, bordi ed angoli da storia di Lovecraft. lol gli edifici sovietici andrebbero vissuti.
>> Num. 413422 quick reply
File 154420429446.jpg - (326.91KB , 1247x892 , 136459862736.jpg )
413422
>>413299
>>413296 qui. Non ti stavo criticando, posta ANCOAR se ti va ché a me questi racconti di vita vissuta piacciono
>> Num. 413423 quick reply
>>413298
Stare davanti a chaturbate tra una partita di Haxball e un film come Valhalla Rising non può essere che rivitalizzante! Specie quanto uno finisce il lavoro coi turni
>> Num. 413434 quick reply
>>413293
>. Se mai andate nei paesi dell'est, non fate quelle robe da borghese occidentale rispettosa delle altre culture come imparare la lingua o gli usi e costumi. Ascoltatevi Celentano (e forse Cutugno) e se chiedono qualcosa dite celentano italiano.

Me la spieghi?
>> Num. 413435 quick reply
Ma OP Vivi in Georgia? Che fai lì?
Come sono le ragazze? Belle?
>> Num. 413438 quick reply
>stanno studiando la resistenza della vite alla radiazione solare in quanto vogliono piantare piante su marte

>riempire di esafluoruro di idrogeno (SF6) e CFC la parte nord del pianeta per aumentare la pressione dell'atmosfera generale
>riempire d'acqua il cratere Hellas per avere una riserva di acqua liquida nel periodo caldo estivo sperando che si formino nuvole e pioggia sopra
>licheni e batteri intorno alle zone equatoriali

Sto avendo un attacco di autismo
>> Num. 413439 quick reply
>>413434
Ti riconoscono subito come italiano pizza spaghetti mandolino pupo celentano toto cutugno e ti fanno scopare le loro donne a gratise
>> Num. 413480 quick reply
>>413434
Era un modo simpatico per dire che qui tutti conoscono celentano e cutugno, ed un paio di volte hanno o iniziato a cantare o hanno tirato fuori il telefonino ed hanno messo qualche canzone di celentano.

>>413435
Ho fatto il tirocinio, torno domani. Le ragazze sono normali, indistinguibili dalle italiane.
>> Num. 413484 quick reply
>>413422
L'unica altra storia simpatica che mi viene in mente è questa.

Sono a lavorare in questa cantina vigneto vicino a Tsinandali, insieme a due ragazze (la svizzera e la ceca) ed un giorno mi dicono che arriverà un investitore cinese. Arriva quindi un camion di uva, e noi dobbiamo passarla a mano per togliere gli acini brutti e malati, tenendo solo quelli belli. Queste cinese arriva, qualche battuta sul fatto che una varietà locale si chiama chinuri, che letteralmente si può tradurre come "abitante, proveniente, dalla cina". I padroni qui tirano fuori la pressa per l'uva tradizionale, un tronco di legno scavato, e chiedono alle ragazze di pigiare a piedi nudi. Robe che avevo sentito solo nelle storie dei giorni di vendemmia dei paesi del profondo nord quando arrivano le moldave in questi paesi di vecchi che sono pure tutti cugini.
Che poi il cinese faceva foto a tutto e questo mi ha fatto volere di abbracciarlo perché mi ricordava venezia.



Non c'entra molto, ma lo dico lo stesso. A memoria, qui mi sono ubriacato forte quattro volte, circa una al mese.

Una è stata a quella fiera del vino, ero sbronzo ma non troppo e potevo tornare a casa da solo.
La prima prima volta è stata nei primi giorni qui, il prof mi ha portato in giro e farmi conoscere i suoi amici ed uno di questi faceva la grappa, o chacha, in casa. Aveva proprio una scala in salotto, coperta da un tappeto (credo), per accedere ad un piano sotterraneo. Comincia a tirare fuori distillati e vino, tutto bene. Poi salta fuori questa grappina 5qualcosa invecchiata che a me ricordava casa, ed abbiamo bevuto tanto. Non ricordo come sono tornato a casa ma ricordo un ragazzo che lavorava nell'hotel che mi continuava a chiedermi se stavo bene mentre salivo le scale. Almeno credo dal tono, mi parlava in georgiano.
La seconda volta è stata a casa di uno in cui siamo andati a raccogliere e pigiare dell'uva. Abbiamo fatto una cena per festeggiare la vendemmia, e tra l'altro c'era questo fegato con la cipolla che mi ricordava il fegato alla veneziana. Qui mi sono ubriacato proprio, anche perché prima uno mi aveva regalato una bottiglia di chacha. Non capisco bene cosa era successo, gli avevo chiesto cosa c'era in un bottiglione (mediante la ceca, che parlava russo) e lui mi ha guardato, ha sorriso, ed ha riempito una bottiglietta di plastica con sto distillato. Qui non ricordo niente, solo i coinquilini che dicevano di essersi preoccupati per me.
L'ultima volta è stato al compleanno di uno. Qui per me c'era qualcosa che non andava nella carne che abbiamo mangiato oppure nel vino, sono stato male male e non male da ubriacatura. Sono andato a dormire alle cinque di pomeriggio e mi sono alzato alle 9-10 del giorno dopo.
>> Num. 413485 quick reply
File 154429679994.jpg - (44.87KB , 960x960 , gogirl.jpg )
413485
>>413484
>chiedono alle ragazze di pigiare a piedi nudi.
Mio padre, che purtroppo non c'è più, mi raccontò che non era raro che le femmine pigiatrici pisciassero mentre pestavano i piedini nudi nell'uva
Ah, i cuntadi' d'una volta…
>> Num. 413486 quick reply
File 154429864222.jpg - (19.96KB , 599x342 , CJ52AUYW8AAdTn_.jpg )
413486
>>413485
Si presume quindi che quel Tavernello non sia più quella delizia di prima, vero?
>> Num. 413487 quick reply
>>413484
Che belle le storie delle sbronze in posti sconosciuti chissà dove con gente sconosciuta, grazie anon
>> Num. 413492 quick reply
>>413486
Magari è stato migliorato ed è comunque meglio che buttarci dentro del metanolo
[Indietro] [Thread intero] [Ultimi 50 post]


Cancella post []
Password  
Segnala post
Motivo