-  [WT]  [Home] [Manage]

[Indietro]
Modalità post: Risposta
Email b i u s sp
Soggetto   (risposta a 9973)
Messaggio
File
URL File
Embed  
Password  (per cancellare post e file)
  • Tipi di file supportati: GIF, JPG, MP3, PNG, WEBM
  • Massima dimensione del file 4000 KB.
  • Le immagini più grandi di 250x250 pixel saranno ridimensionate.
  • Ci sono 525 post unici. Vedi catalogo

  • Blotter aggiornato il: 2017-10-11 Vedi/Nascondi Vedi Tutti

Num. 9973
  http://www.milanotoday.it/cronaca/corteo-studenti-.html

>Corteo degli studenti a Milano: è partita la manifestazione contro alternanza scuola-lavoro
>Intorno alle 11.30 hanno "assaltato" e devastato il McDonald's di Piazza Sant'Eustorgio
>Successivamente è toccato a una filiale della Banca Bpm. E poi ancora la Monte dei Paschi di Siena, l'orologeria Verga e Zara.

A me la cosa che da più fastidio è che questi imbecilli rimarranno del tutto impuniti.
Espandi tutte le immagini
>> Num. 9974 quick reply
Il problema è: come esprimere il dissenso verso questa forma di globalizzazione e questo mercato del lavoro?
Il mcdonald e le banche, prima di essere dei luoghi che dispensano servizi, sono dei simboli.
Il primo, simbolo di una certa idea del lavoro (precario, sfruttato, malpagato etc), i secondi di una certa idea dell'economia.
Rompere una vetrina e rovesciare qualche sedia, secondo me, in questi luoghi, è una corretta forma di protesta.
Si può fare anche in altro modo, ad esempio regalando pizze e panini bio subito fuori dai mcdonald. Ma il rapporto tra sbattimento e risultato mediatico
è facilmente prevedibile.
Chiedimi come lo so.
>> Num. 9975 quick reply
>>9974
Nessuno ti obbliga a lavorare al mc o mangiarci. Non andare in giro a rompere roba altrui e basta. Tanto difficile?
>> Num. 9976 quick reply
La sinistra può fare quello che vuole. Loro hanno una serie di leggi e regole specifiche che si applicano alle lore manifestazioni. Non è cosa per noi comuni cittadini.
Vedi >>9974, per lui si può spaccare tanto sti cazzi, pagano gli altri.
>> Num. 9977 quick reply
>>9976
"pagano gli altri" nel senso che mc donald e banche sono assicurati, in questo senso si.
Più che altro ti sfugge la questione del perché hanno attaccato banche e mc donald.
Ma tu dici che uno studente minorenne dovrebbe non fare assolutamente nulla e preparare la sua relazioncina dopo aver fatto l'alternanza scuola lavoro all'autogrill?

E' ovviamente la mia opinione, ma trovo la protesta legittima e i modi tutto sommato anche delicati.
>> Num. 9978 quick reply
>>9977
Lascia stare anon, posta su /pol/ ma pensa di essere su /rd/, non sa neanche di cosa si tratta la bestialità dell'alternanza scuola lavoro, ci tiene però a giudicare quattro ragazzini che hanno tirato uova e lolvernice sulle vetrine di mutlinazionali, banche e sedi di partito.
E no, molto spesso non sei tu a scegliere dove lavorare, visto che i luoghi che possono offrire posti non sono sempre quelli che uno vorrebbe e visto che l'esperienza dell'alternanza è obbligatoria e va a finire nella valutazione di maturità ti tocca accettare di tutto.
>> Num. 9979 SABBIA! quick reply
Non frega un cazzo la motivazione: la violenza di questo genere è sempre sbagliata
>> Num. 9980 quick reply
>>9978
>la bestialità dell'alternanza scuola lavoro
Qualcuno mi spiega cortesemente di cosa si tratta?
>> Num. 9981 quick reply
>studenti
>> Num. 9982 quick reply
Mi viene difficile prendere sul serio le "rivolte" studentesche.
Io e i miei compagni le facevamo solo per fare baldoria e non starcene a scuola.
>> Num. 9983 quick reply
>>9980
Un'altra minchionata da prof comunisti per riempire il cervello degli studenti con cazzate.
Certo, se la prendono coi McDonald e le banche perché la scuola gli fa fare lavoretti chissà dove.
Perfettamente sensato, non è indice di alcun livello di indottrinamento. Certo, certo...
E' per questo che odio discutere con i sinistronzi, si bevono tutte le più ritardate teorie complottiste e poi si arrampicano sugli specchi e fanno ginnastiche retoriche assurde per negare l'evidenza quando sono coinvolti i loro militanti con azioni che si svolgono davanti agli occhi di tutti.
>> Num. 9984 quick reply
>>9977
No, una manifestazione così non può essere legittima. Non è questione di opinioni, è questione di non legittimare il diritto di agire come bestie. Vedi >>9982 perché le rivolte studentesche sono fatte da persone così più qualche individuo che ci campa. Lo so perché ne ho fatte un paio pure io prima di rendermi conto di quello che erano.
>> Num. 9985 quick reply
>>9983
Ma quanto sei ritardato? Riforma voluta dai gruppi di potere all'interno della scuola (treelle e fondazione agnelli per le scuole di primo e secondo grado, i bocconiani per l'università) vicini a confindustra e vicinissimi al MIUR e tu riesci a dare la colpa ai professori komunisti. Sei talmente imbevuto di odio per i professori che magari ti bullizzavano e il rastone che si faceva le canne e scopava la tua ragazza del cuore da non riuscire neanche ad argomentare come richiesto dall'anon che quoti, ma riesci solo in un patetico rantolo d'odio, maledetto minorenne ritardato. Magari ti farà piacere sapere che contro la buona scuola, di cui l'alternanza scuola-lavoro è parte, si sono mobilitati anche i tuoi amichetti rasati a braccio teso.
>>9980
200 ore obbligatorie di tirocinio per i licei, 400 per le scuole tecniche e professionali, presso chiunque abbia bisogno di manodopera non qualificata e non pagata per fargli svolgere lavoretti la maggior parte delle volte senza senso (al mc li mettono a spiegare come usare i computer per fare le ordinazioni, vedi un po' te), utili comunque ai datori di lavoro che possono così evitarsi di chiamare lo stagista sottopagato ma qualificato, che magari dopo un po' gli potrebbe chiedere mansioni e retribuzioni serie. Gli imprenditori hanno così un bacino di lavoratori obbligati praticamente senza fine (come se non ci fosse disoccupazione giovanile al 40%), naturalmente in tutto questo incoraggiati dal ministero, che non saprebbe altrimenti dove mandare tutti i ragazzi (ripeto, le ore sono obbligatorie e dal prossimo anno varranno per la valutazione di maturità).
Qualcuno se ne è approfittato non solo per la manodopera
http://milano.repubblica.it/cronaca/2017/07/14/news/violenza_sessuale_4_minorenni_abusate_durante_stage-170755941/
Non oso immaginare comunque cosa facciano fare ai ragazzi in zone economicamente depresse come la Calabria o la Sicilia.
>> Num. 9986 quick reply
Sinceramente non ci vedo nulla di male ad una buona alternanza scuola - lavoro , con il senno di poi a me sarebbe piaciuta farla.
Non è importante solo per gli istituti tecnici ma anche per i licei scientifici e classici.
Avviene in tutti i principali paesi europei, come in Germania, in Francia e Spagna.

http://www.bollettinoadapt.it/old/files/document/20371bellezza_massagl.pdf

È davvero triste che gli studenti utilizzino come slogan: "Siamo studenti, non siamo operai" come se ci fosse qualcosa di male ad essere operaio.
Anzi, basta vedere gli stipendi di qualche operaio specializzato e magari a qualche studente vien voglia di provarci; spesso si sente parlare che c'è ricerca di alcune figure che sul mercato del lavoro si fa fatica a trovare. Le aziende hanno tutto l'interesse a formare e a mantenere queste specializzazioni
Sporcarsi le mani non è una cosa brutta; lo so che i genitori italiani sono schizzinosi "Ah mio figlio non potrebbe mai fare un lavoro del genere!" ma prima di tutto gli si dovrebbe insegnare l'umiltà ed il rispetto verso chi davvero si fa il culo.
Magari il progetto scuola - lavoro ha delle criticità ma c'è un progetto alternativo?
Ho come l'impressione che i manifestanti siano gli stessi che si sono posti contro il test invalsi.
L'alternativa a spaccare vetrine ed imbruttare muri qual è ?

>>9985
>lavoretti la maggior parte delle volte senza senso

È pur sempre un lavoro magari non particolarmente qualificante ma non dovrebbe nemmeno essere vissuto come umiliazione.

>Qualcuno se ne è approfittato non solo per la manodopera

I porci esistono in qualunque fascia sociale, eddai.
>> Num. 9987 quick reply
File 150806683031.jpg - (31.64KB , 379x175 , chi_ha_ragione.jpg )
9987
>> Num. 9988 quick reply
>>9986
Sarebbe una buona idea in un paese con una popolazione intelligente. In italia gli studenti cercheranno lavori del cazzo giusto per, 10 anni dopo, poi lamentarsi quando non trovano lavoro con la loro laurea in lettere, mentre le imprese li metteranno a fare fotocopie senza insegnare loro qualcosa di utile e cercare di tenerseli per il futuro.
>> Num. 9989 quick reply
>>9986
>Le aziende hanno tutto l'interesse a formare e a mantenere queste specializzazioni
Seriamente anon? Stai idealizzando la situazione, pensi che tutte le imprese, gli enti coinvolti (pensa che alcuni li ha presi anche il ministero dell'istruzione, cosa pensi gli faranno fare al ministero? fotocopie o come fare il burocrate?) vogliano utilizzare questa manodopera gratuita e senza diritti per "valorizzarli"? Come se l'Italia fosse poi dotata di questo grande sistema economico capace di assorbire e integrare senza sfruttare dei ragazzi di 18 anni, in mansioni specifiche e non generiche.
Considera poi gli enormi squilibri tra Nord e Sud, tra città e periferia, cosa credi che gli studenti saranno disposti a fare pur di evitare la bocciatura quando tutto questo sarà diventato la normalità?
>È pur sempre un lavoro magari non particolarmente qualificante ma non dovrebbe nemmeno essere vissuto come umiliazione.
Non percepisci stipendio, non hai diritti, sei obbligato a lavorare pena la bocciatura, davvero un bel lavoro...
>I porci esistono in qualunque fascia sociale, eddai.
La mia considerazione non si limitava naturalmente alle qualità morali di chi si prende gli studenti, ma l'assenza di controlli, l'illegalità e lo sfruttamento giustificato, tutto già più volte documentato a soli 2 anni dall'imposizione dell'alternanza scuola-lavoro.
>> Num. 9990 quick reply
Io ho fatto un tirocinio di 400 ore obbligatorio con il corso universitario, a me come esperienza é piaciuta, venivo seguito da un tutor e un po' ho imparato delle cose sulla manutenzione hardware e software dei PC aziendali, andavo con lui nei vari posti dove era richiesto per fare manutenzione hardware e software.
Non ero pagato ma mi é servito per vedere un po' come funziona una azienda locale con un reparto ICT.
>> Num. 9991 quick reply
Boh se non vengono pagati è una puttanata.
>> Num. 9992 quick reply
>>9990
Tu devi essere quello sveglio se tiri fuori i tirocini universitari quando si sta parlando di tutt'altro.
>> Num. 9993 quick reply
>>9991
>Disoccupazione giovanile altissima e stabile
>Decine di migliaia di giovani all'anno se ne vanno a lavorare all'estero
>Decine di modi diversi per avere stagisti aggratis che ammazzerebbero le loro madri per una voce in più nel curriculum per poi essere scaricati e sostituiti da altre carne da macello al termine dello stage
E vuoi pure che paghino neo maggiorenni con poca e nessuna competenza alle spalle?
>> Num. 9994 quick reply
>>9993
Non dico che io li voglia pagare. Dico che loro dovrebbero farsi pagare, oppure non farlo.
E tutto il discorso si applica a stagisti su stagisti, e tirocinanti vari. La gente deve imparare a farsi pagare.
>> Num. 9995 quick reply
>>9994
>Dico che loro dovrebbero farsi pagare, oppure non farlo.
Quale parte di tirocinio OBBLIGATORIO ti sfugge?
http://www.istruzione.it/alternanza/cosa_alternanza.shtml
Prima riga dal sito pubblicitario del miur per la buona scuola, se non lo nascondono neanche loro...
Comunque l'esperienza delle ore di scuola-lavoro è richiesta anche all'esame di maturità, è valido per il voto finale e può decidere la promozione di uno studente, vedi un po' tu se i 18enni sono messi in condizione di rifiutare.
>> Num. 9996 quick reply
>>9995
L'ho capito, non andavo nello specifico, ma intendevo dire che dovrebbero veramente cancellare questo sistema se è vero che vanno a fotocopiare e lavorare al mc senza una misera ricompensa.
>> Num. 9997 quick reply
>>9996
Ma dovrebbero chi? La cosa l'hanno voluta al governo (l'attuale ministro dell'istruzione con la terza media l'hanno messa lì solo perché piace ai sindacati senza nasconderlo) e fa parte del piano più ampio della buona scuola (già legge, la raccolta firme per il referendum abrogativo è naufragato per la mancanza di poche migliaia di firme, penalizzato anche dal silenzio quasi totale dei media) e della buona università (ancora in costruzione, ma che ha già creato strane creature come le battaglie tra dipartimenti per importanti finanziamenti annuali, o i mostri burocratici e bibliografici dell'ANVUR).
Se ai politici non interessa nulla e sono spesso collusi (vedi il caso del dottorato plagiato della Madia), se i media tacciono disinteressati e complici perché non è un tema che interessa (vedi il quasi mezzo miliardo di euro gestiti e accumulati in modo opaco dall'IIT appena apparso in superificie sulle testate), se ci sono ritardati come OP che stanno male quando vedono le porte di Zara colpite da UOVA e VERNICE, chi dovrebbe impedire tutto ciò?
>> Num. 9998 quick reply
>>9997
Quindi dici che non interessa a nessuno? Che rimanga allora, non so che dirti.
>> Num. 9999 quick reply
>>9992
Calma, ho solo tirato fuori un esempio
>> Num. 10001 quick reply
>>9998
>>9999
Ma che cazzo commentate a fare se non avete neanche argomentazioni né siete minimamente informati su ciò che commentate?
>> Num. 10002 quick reply
I miei due eurocents: che la scuola debba preparare al mondo del lavoro e che l'alternanza scuola-lavoro sia un mezzo per raggiungere questo obiettivo, secondo me, è una chiacchiera pedagogica che copre neanche troppo bene la vera natura di una manovra che ha lo scopo di fare della scuola una agenzia di socializzazione al lavoro precario e dequalificato.

Con che faccia da culo un ragazzo delle superiori potrebbe poi andare a cercarsi un lavoretto estivo per pagarsi la miscela per lo scooter, quando è obbligato a fare lo stesso lavoro (o uno simile) a gratis per prendere la maturità?
Che friggere patatine o mostrare ai clienti come funzionano i touch screen sono lavori dignitosi si, ma solo se retribuiti!

Qua li stanno inculando tutti con la sabbia, e OP ha capito veramente la metà di niente, nella sua vita.
>> Num. 10003 quick reply
>>10002
Questo.
Che problemi avete per non capire che mandare gli studenti a fare gli stage non retribuiti in contesti estranei al proprio percorso di studi è inutile per la formazione dello studente ma torna comodo ad alcuni datori di lavoro propensi allo sfruttamento?
Anche io, ai miei tempi, ho fatto uno stage durante le superiori e già allora era questione di pura fortuna; a chi andava bene, perché viveva nel comune di qualche azienda, poteva capitare di passare un mese in un ambiente di lavoro pertinente al proprio indirizzo e di imparare qualcosa, mentre agli sfortunati capitava di finire a lavorare nell'ufficio tecnico/tributi del proprio comune di residenza a svolgere compiti che nessuno voleva fare (come contare i tombini delle vie, o fare l'inventario di magazzini di cui non si trovavano nemmeno più le chiavi, non sto scherzando).
La differenza è che perlomeno tutti venivano pagati un minimo (i comuni davano €200, mentre certe aziende anche €600).
>> Num. 10004 quick reply
>>10003
se è inutile è perché gli studenti non vogliono sfruttare l'opportunità. Questo è un modo perfetto per conoscere delle persone già inserite, che sia nel comune od in una azienda.
>> Num. 10005 quick reply
>>10004
>conoscere delle persone già inserite

E conoscendo delle persone già inserite che cosa succede?
>> Num. 10006 quick reply
>>9991
Prendono già millemila eypo per andare nei musei e a teatro.


Cancella post []
Password  
Segnala post
Motivo