-  [WT]  [Home] [Manage]

[Indietro]
Modalità post: Risposta
Email b i u s sp
Soggetto   (risposta a 10591)
Messaggio
File
URL File
Embed  
Password  (per cancellare post e file)
  • Tipi di file supportati: GIF, JPG, MP3, PNG, WEBM
  • Massima dimensione del file 4000 KB.
  • Le immagini più grandi di 250x250 pixel saranno ridimensionate.
  • Ci sono 441 post unici. Vedi catalogo

  • Blotter aggiornato il: 2017-10-11 Vedi/Nascondi Vedi Tutti

File 154689517162.jpg - (254.50KB , 1080x1350 , gio ig.jpg )
10591 Num. 10591
Da noi i partiti sono ancora tutti bianchi. Che schifo.
Espandi tutte le immagini
>> Num. 10592 quick reply
File 154689872529.png - (107.61KB , 1343x477 , Notiuole-a-denti-stretti-banner.png )
10592
Ci sono i partiti, poi ci sono quelli che sono rimasti.
>> Num. 10594 quick reply
File 154690151231.jpg - (257.15KB , 800x1200 , 6666611416604132081-1488949546.jpg )
10594
In Finlandia sono progressisti
>> Num. 10595 quick reply
Il fatto che un partito o ideologia faccia gola a elementi esterni alla società di cui fanno parte è sempre un campanello d'allarme.
Questi elementi si infiltrano nelle istituzioni non per l'interesse della popolazione locale ma per tirare l'acqua al loro mulino e minare le fondamenta del territorio ospitante, così da agevolare la colonizzazione da parte delle loro nazioni d'origine e portare avanti l'agenda di demoralizzazione a annichilimento di identità e cultura nazionale della nazione ospitante, così da rendere la popolazione e le istituzioni inermi, apatici, e autodistruttivi, lasciando campo libero e totale libertà d'azione ai flussi migratori/colonizzatori che sostituiranno passivamente la popolazione locale fino a reclamare interamente il territorio. Le quote e altri stratagemmi di controllo politico faranno in modo che una certa percentuale di sabotatori e simpatizzanti siano parte dei poteri istituzionali che potrebbero innestare un processo di autodifesa da parte della nazione ospitante.
>> Num. 10596 SABBIA! quick reply
>>10595
Sssssi.
Le medicine.
>> Num. 10597 quick reply
La lega ha un senatore negher.
>> Num. 10600 quick reply
File 154715673038.jpg - (114.44KB , 1280x852 , primosenatorenerodellarepubblica.jpg )
10600
>>10597
BUONGIORNO PADANI!

>>10595
hai imparato bene la lezione anon, 10!
>> Num. 10601 quick reply
Non abbiamo ancora parlamentari/politici di rilevanza multicolore perché:

1- Nonostante quello che dice qualche schizzato, in italia non siamo ancora meticci, le minoranze sono ancora abbastanza basse da risultare inutili a fini elettorali.
Nessun partito sano di mente rischierebbe di alienarsi un bacino elettorale per acchiappare i voti multicolore.
2- L'immigrazione -soprattutto dai paesi nord e centro africani- è un fenomeno recente, siamo alle 2nde massimo 3rze generazioni di immigrati
3- Di conseguenza, non esiste ancora una classe borghese meticcia forte. Gli immigrati non sono abbastanza sedimentati sul territorio per avanzare proposte imprenditoriali di successo.
Gli unici sono i cinesi di merda, peggio di tutti gli altri marroni, che per scelte ideologiche scelgono di stare ai margini del panorama culturale e non integrarsi.
3.a- A causa della mancanza di una borghesia meticcia, mancano giovani meticci con una cultura decente e con una consapevolezza di classe tali da poter portare avanti rivendicazioni politico-sociali.
Se sei figlio/nipote di immigrati e la tua famiglia delinque, spesso e volentieri pensi a mangiare a avere un tetto sotto la casa, piuttosto che a formarti nelle fucine giovanili di un partito.
Forse qualcosa c'è nella politica locale milanese, ma non seguo abbastanza i circoliniiiii per poterlo sapere.
4- La maggior parte degli immigrati da più tempo in italia sono comunque indoeuropei: rumeni, slavi, etc.
Mi aspetterei di più un partito di slavi che uno di negri, ma gli altri bianchi tirano di meno
>> Num. 10602 SABBIA! quick reply
>>10595
Ovviamente >>10595 è un ritardato e va ignorato.
Ricordo che siamo su /pol/, non su /rd/ e soprattutto non su /b/.
Quelle merdate tienitele di là, 4/10 perché mi sono scomodato a risponderti
>> Num. 10604 quick reply
>>10600
Chiediamo al primo senatore di fare un video dove parla di Marcòz
>> Num. 10605 quick reply
>>10601
E di questo passo ci vorrà almeno un secolo per diventare davvero meticci. Tieni conto che non siamo più un paese obiettivo come lo eravamo ad esempio per gli immigrati albanesi negli anni '90
Also l'italia non ha una storia di segregazione di una minoranza consistente come negli usa, quindi la loro politica di rivendicazione su base etnica/identitaria non è importabile

La società americana è di fatto multiculturale e razzista: basta vedere la loro ossessione per catalogare tutti in base alla pelle come se fossimo negli anni '30
Un'ossessione talmente radicata da essere stata adottata dalle minoranze stesse, che fanno propri concetti vuoti come "ispanico" e "bianco"
D'altra parte però gli afroamericani non hanno una chiara identità storica come la può avere un europeo (o chiunque altro in realtà) e con una storia di schiavitù e segregazione non mi sorprende che vedano sè stessi solamente in contrapposizione ai bianchi: perché il concetto di "nero" per quanto vuoto, è l'unico che hanno

Non sono razzista e ho sempre creduto che il concetto di razza andasse superato, il fatto che sia la sinistra (americana) a riportarlo nel dibattito pubblico mi fa incazzare non poco

>inb4 sinistronzo
dai, non così tanto stronzo
>> Num. 10606 quick reply
File 154733521119.jpg - (26.23KB , 360x360 , plan2jh7.jpg )
10606
>>10605
>E di questo passo ci vorrà almeno un secolo per diventare davvero meticci.
Da un punto di vista storico un tempo brevissimo. E tanto più la percentuale salirà, in maniera inversamente proporzionale scenderà il senso di appartenenza e identità raziale/culturale. I meticci non si sentiranno ne carne e ne pesce e saranno estremamente vulnerabili alle retoriche che demonizzano ogni tipo di identità nazionale e preservazione culturaole territoriale, considerandoli nazi/fascismo. Poichè incapaci di empatizzare il sentimento di discendenza e appartenenza di un popolo.
Come si diceva prima non è qualcosa da cui si può tornare indietro. La massa migratoria è ormai gia nel territorio, e da qui può solo crescere. Queste persone non se ne andranno, e le popolazioni europee continuano a invecchiare e morire perché mettere su famiglia è diventata un'impresa e investimento economico insostenibile (per i locali). Mentre i nuovi arrivati si riproducono senza problemi in gran quantità perché le loro donne si limitano a farsi ingravidare e respirare, e perché per i genitori il futuro dei figli non ha importanza e invece di pensare a come dargli una vita decente e istruirli li fanno dormire in 10 in una stanza e li mandano in giro ad accattonare. Guarda un pò questi bambini vedranno i bambini bianchi cicciottelli, pieni di giocattoli e coccolati mentre vengono istruiti a dovere ed avranno assicurati un futuro decente. E grazie ai militanti comunisti, e i seguaci di Kalergi, verranno indottrinati a pensare che la loro condizione non sarà dovuta alle scellerate politiche migratorie, e ai loro genitori merdosi. No sarà tutta colpa dei fascistoni privilegiati bianchi che gli rubano i diritti. Cosa che porterà a malcontento e terrorismo su cui i comunisti potranno ricamare altra retorica sul fallimento delle società bianco/capitaliste.
>> Num. 10607 SABBIA! quick reply
File 154737396675.jpg - (14.90KB , 704x396 , controarometazione.jpg )
10607
>>10606
Dimetichi una cosa, caro il mio kira, i meticci per definizione discenderebbero da italiani e da un altro popolo, quello che dici non ha senso

Also 2/10, hai rotto il cazzo
>> Num. 10627 quick reply
>>10606
>>10595
Ma a parte i soliti insulti shhh medicine etc, avete delle cose sensate da dirgli contro? perché per me è la realtà ed è anche parecchio evidente.
>> Num. 10628 quick reply
>>10606
Le grandi migrazioni storicamente sono sempre avvenute e gli europei (a parte se sei islandese) non si possono considerare sicuramente dei purosangue. Gli italiani e gli spagnoli sono già meticci, dopo le dominazioni turche, normanne e spagnole. Il concetto di razza è spinto dai due poli per aver qualcosa con cui fare scannare le persone e fare passare in secondo piano la lotta di classe. L'appartenenza di una persona a uno stato si dovrebbe misurare sul concetto del paese dove sei nato, non dal colore della vagina che ti ha partorito. Così che dovremmo educare questi ragazzi, sia che siano mulatti che neri, ad essere italiani. Dovremmo estendere la cultura italiana a loro e non viceversa. I problemi che vediamo in giro, di ghetti e stranieri che si sentono sopra alla legge, sono provocati appunto da questo, una scellerata incapacità di renderli parte della nostra cultura. Che se poi con cultura intendiamo vivere in modo decente invece che in tuguri di merda e farsi 10 figli, beh quella è una cultura che andrebbe estesa all'intero proletariato. Dovresti farti un giro alle vele di Scampia o allo zen di Palermo e vedere che forse gli italiani non sono poo così diversi culturalmente dai neri.
Per il fatto di star assistendo a una politica migratoria scellerata sono d'accordo. Questo è il prezzo da pagare per aver "importato democrazia" nel Nordafrica. Io ancora mi sto chiedendo cosa abbia fatto di male Gheddafi a parte portare benessere al suo popolo. I tagliagole sostenuti dal tanto osannato Obama sono quelli che hanno provocato il problema.
Non abbraccio la retorica di destra di purezza della razza, ma affermare che l'immigrazione non è un problema sociale è una stronzata. Solo per l'afflusso di schiavi a basso costo che genera nel mercato del lavoro è un problema. E quando Di Maio cerca a modo suo di parlare di colonialismo economico non ha tutti i torti. Le economie di doversi paesi africani sono in mani straniere, l'autodeterminazione viene ostacolata e in genere si fa di tutto per mantenere poveri i poveri. La differenza tra i sinistronzi, i liberal-democratici, tutta questa feccia moderata e il vero socialista è una: i liberali amano i poveri. I socialisti odiano la povertà.
>> Num. 10629 quick reply
>>10628
>Così che dovremmo educare questi ragazzi, sia che siano mulatti che neri, ad essere italiani.
Esatto. Ed è questo uno dei problemi principali. perché "muh minority" mischiato con "muh oppression". Gli italiani non dovrebbero essere divisi in genere e colore. Le categorie (politici, imprenditori, baristi) non dovrebbero esserlo. Se sei nato in Italia e hai la cittadinanza allora sei italiano. Ed è uno dei grossi problemi con le sinistre, che continuano a dividere la popolazioni in sottogeneri di sottogeneri, tutto basato su frivolezze che vanno a anteporsi sul concetto più importante, ovvero quello di identità nazionale. Essere gay non ha importanza, essere nero non ha importanza, essere donne non ha importanza, essere italiani è importante.
>> Num. 10630 quick reply
>>10629
La realtà è che le divisioni fanno comodo alla politica in modo da poter accedere a serbatoi di voti. È più semplice creare una situazione di "noi contro loro" invece che fare politica seria con programmi seri.
>> Num. 10631 quick reply
>>10628

92 minuti di applausi.
>> Num. 10632 quick reply
>>10627
Il mondo non è un libro fantasy medievale, dove i nani sono nel profondo, gli elfi oscuri nelle caverne, gli orchi nelle praterie e gli umani nella città.
>> Num. 10633 quick reply
File 155042120360.jpg - (28.30KB , 715x290 , royal-dutch-shell.jpg )
10633
>>10632
In effetti non ci sono le Sette Sorelle nei libri fantasy.

E finché abbiamo bisogno di petrolio e gas naturale per usarli come carburante, per la creazione della plastica, e per altre cose, come ad esempio le figurine di Warhammer 40.000, eccoci qua a pagare soldi a queste belle compagnie.
>> Num. 10700 quick reply
>>10606
>La massa migratoria è ormai gia nel territorio, e da qui può solo crescere.

stronzata colossale, oramai anche i rumeni che stavano da anni e anni in italia se ne stanno andando via. Ne ho trovati tanti qui all'estero

>perché per i genitori il futuro dei figli non ha importanza e invece di pensare a come dargli una vita decente e istruirli li fanno dormire in 10 in una stanza e li mandano in giro ad accattonare.

Non so tu che stranieri hai conosciuto ma la maggior parte di loro viene in europa appunto per dare un futuro migliore ai loro figli.

>sarà tutta colpa dei fascistoni privilegiati bianchi che gli rubano i diritti.

non esattamente, è colpa del mercato del lavoro,che non investe in innovazione è colpa di uno stato che non fa formazione scolastica adeguata e che non ha un welfare decente, d'altronde non puoi permettere che una persona che viene nel tuo paese senza conoscere la lingua e senza avere contatti possa diventare ricca tramite un semplice schiocco di dita, in quanto italiano puoi benissimo pensare al meme degli stranieri che si prendono 35€ al giorno senza fare niente con tanto di sigarette e ricarica per il telefono ma ti posso assicurare che non è per niente così, oltre ad essere discriminati sul posto di lavoro perché stranieri vengono pure odiati dai colleghi perché prendono millemila pleuri di assegni familiari.

T. figlio di immigrati che ha lasciato il belpaese per questioni lavorative.

Non penso assolutamente che l'italia sia un paese di merda, il mare il cibo e il clima sono fantastici, senza contare il patrimonio storico e artistico. Nonostante ciò, non consiglio ai miei connazionali di andare in italia per lavorare perché gli dico che come stranieri faranno una vita di merda, è meglio che rimangano nel loro paese.
>> Num. 10703 quick reply
>>10700
>la maggior parte di loro viene in europa appunto per dare un futuro migliore ai loro figli.
Sì, peccato che il loro concetto di "futuro migliore" consiste nel trovarsi in un paese non in guerra che gli fornisce un minimo di assistenza sociale, e dove si può accattonare meglio.


Cancella post []
Password  
Segnala post
Motivo