-  [WT]  [Home] [Manage]

[Indietro]
Modalità post: Risposta
Name
Email b i u s sp
Soggetto   (risposta a 14091)
Messaggio
File
URL File
Embed  
Password  (per cancellare post e file)
  • Tipi di file supportati: GIF, JPG, MP3, PNG, WEBM
  • Massima dimensione del file 7906 KB.
  • Le immagini più grandi di 250x250 pixel saranno ridimensionate.
  • Ci sono 1060 post unici. Vedi catalogo

  • Blotter aggiornato il: 2017-10-11 Vedi/Nascondi Vedi Tutti

File 153728858625.jpg - (76.15KB , 1024x683 , Molly-Ringwald-John-Hughes.jpg )
14091 Num. 14091
>essi Molly Ringwald
>diventi famosa negli anni 80 grazie ai ilm di John Hughes
>all'apice della tua carriera nel 1989
>vengono da te ad offrirti il ruolo di protagonista in Pretty Woman (che poi sarà di Julia Roberts)
>lo rifiuti
>vengono da te ad offrirti il ruolo di protagonista in Ghost (che poi sarà di Demi Moore)
>lo rifiuti
>il tuo status di star crolla rapidamente e non fai più niente di successo venendo dimenticata

Altre storie di rifiuti di parti che poi sono entrate nella storia del cinema?
Espandi tutte le immagini
>> Num. 14092 quick reply
File 153730137127.jpg - (240.55KB , 1140x641 , toysmadeus-mego.jpg )
14092
Non so se conta, ma il geppo in pic si chiama Marty Abrams, capo della Mego, importante azienda produttrice di giocattoli nel passato, e fu il primo a comprare i diritti per fare i giocattoli di Star Trek nel settantaequalcosa quando uscirono le primissime puntate in tv, e chiaramente fece un sacco di quattrini

Qualche anno dopo, un barbuto mingherlino con gli occhiali chiamato George Lucas gli porta qualche disegno fatto a mano e le parti di un nuovo film a cui sta lavorando dopo American graffiti, chiamato Guerre Stellari, e offre al buon Abrams a prezzo scontatissimo i diritti su merchandising e giocattoli per quando il film (anzi, la trilogia di film) sarebbe stata pronta. Marty gli rise in faccia e lo cacciò dal suo studio a pedate. Sappiamo tutti come è andata a finire.

Bonus track: Lucas andò anche alla Mattel in cerca di possibili compratori per i diritti sui giocattoli di guerre stellari, e anche là lo mandarono a fanculo in una maniera pazzesca [Cit.]. L'unica azienda che alla fine lo ascolto fu la piccolissima Kenner, azienda di giocattoli che fino ad allora faceva cazzate tipo bambole e cucine per bambine, e che tra l'altro era stata fondata da un ex impiegato Mattel. Negli anni successivi grazie ai figurini di guerre stellari la Kenner divento tanto ricca da poter foderare la passera delle loro segretarie con pelliccia di visone siberiano, Mattel accusò il colpo mentre Mego andò a gambe all'aria qualche anno dopo, visto che star trek non se lo fumava più nessuno.
>> Num. 14094 quick reply
Meglio fare film di successo o fare film e basta per lavorare decentemente ed espandersi anche in altre cose come il doppiaggio?

t. Mark Hamill
>> Num. 14095 quick reply
>>14094
Dipende
Harrison Ford è riuscito a scrollarsi di dosso il personaggio di Solo e a essere anche altro -Indiana Jones e Blade Runner, per dire- e in generale ha avuto una carriera attoriale mica da ridere.
Hamill odiava essere considerato come Luke più che come attore in generale, ed essere IL joker gli ha permesso una vita attoriare/autoriale che non avrebbe avuto altrimenti.
Come Redcliff che per adesso è visto "Harry Potter che fa X" in quasi ogni ruolo che fa, Hamill ha voluto evitarlo.
Carrie Fisher molto brava e gnocca ma si è bruciata tutto in tossicodipendenza e depressione, ha fatto qualche comparsata come sè stessa e ha scritto un libro autobiografico e standup sulla propria vita niente male.
Ovviamente glorificata alla morte, ma il suo humor e l'appoccio alla vita in generale l'hanno fatta apprezzare ai più come qualcosa di ulteriore a Leia.

3 attori, 1 brand, 3 modi di approcciare la vit aattoriale diversi.
Su quale sia meglio penso sia una scelta personale


Cancella post []
Password  
Segnala post
Motivo