-  [WT]  [Home] [Manage]

[Indietro]
Modalità post: Risposta
Email b i u s sp
Soggetto   (risposta a 25621)
Messaggio
File
URL File
Embed  
Password  (per cancellare post e file)
  • Tipi di file supportati: GIF, JPG, MP3, PNG, SWF
  • Massima dimensione del file 8000 KB.
  • Le immagini più grandi di 250x250 pixel saranno ridimensionate.
  • Ci sono 1126 post unici. Vedi catalogo

  • Blotter aggiornato il: 2017-10-11 Vedi/Nascondi Vedi Tutti

Num. 25621
  La gente perde la voglia di andare avanti quando non trova uno scopo per fare le cose?
>> Num. 25622 quick reply
non ho capito mi passi suo marito.
>> Num. 25623 quick reply
>>25622
Senza uno scopo la gente si deprime. Per questo molta gente quando va in pensione non sa cosa fare nelle giornate.
>> Num. 25624 quick reply
>>25623
ok ma trovare uno scopo è semplice, tu dici che si deprimono perché non lo ritengono uno scopo valido.
>> Num. 25627 quick reply
>>25624
E quali sono degli esempi di scopi validi?
>> Num. 25628 quick reply
>>25627
non esistono scopi validi è questo il problema, tutto è valido niente è valido. Tutto è "devo occupare il mio tempo e devo farlo in modo produttivo così non mi sembrerà sprecato."

ieri sera ho letto questo articolo ed è stato come un piccolo schiaffo https://theoutline.com/post/2595/productivity-is-dangerous
>> Num. 25629 quick reply
Trovare lo scopo non è il problema, il problema è la spinta a farlo. Infatti è uno dei sintomi della depressione (dove è curabile) e della psicosi (dove non è curabile).
>> Num. 25630 quick reply
>>25628
>devo occupare il mio tempo e devo farlo in modo produttivo così non mi sembrerà sprecato

Direi che una risposta morigerata decente sia quella di Eddy Mercks: "pedala quanto tu pensi di aver bisogno, ma pedala"

In ogni caso c'é sempre la paura dell'effetto che segue la causa, e l'ansia di non ottenere un effetto desiderato o desiderabile.
>> Num. 25631 quick reply
>>25629
Probabilmente é tutto derivato da come pensiamo di allocare il tempo disponibile.

"In the 2010 book, On Time, Punctuality, and Discipline in Early Modern Calvinism, Swiss Reformation scholar Max Engammare claims that the Calvinists fundamentally changed how we think about time. They replaced the Medieval Catholic conception of time, which was cyclical and based on recurring seasons and holidays, with a linear view of time, as something which was always essentially running out – and this, apparently, led to the requirement that we start arriving to things on time, which he claims did not exist previously."
>> Num. 25632 quick reply
>>25629
se sei depresso anche preparare una moka ti sembrerà una cosa impossibile è una questione di punti di vista, baby steps o dividere tutto in piccoli traguardi è già un passo avanti.


Cancella post []
Password  
Segnala post
Motivo