-  [WT]  [Home] [Manage]

[Indietro]
Modalità post: Risposta
Email b i u s sp
Soggetto   (risposta a 25244)
Messaggio
File
URL File
Embed  
Password  (per cancellare post e file)
  • Tipi di file supportati: GIF, JPG, MP3, PNG, SWF
  • Massima dimensione del file 8000 KB.
  • Le immagini più grandi di 250x250 pixel saranno ridimensionate.
  • Ci sono 1163 post unici. Vedi catalogo

  • Blotter aggiornato il: 2012-08-26 Vedi/Nascondi Vedi Tutti

File 150168697498.jpg - (128.41KB , 1022x768 , tragic-1-city-skyscrapers.jpg )
25244 Num. 25244
Finita. Oltre dieci anni di vita insieme, tutto andato. Non ti amo più. Me ne sono andato senza voltarmi. L'ultimo atto di lucidità è stato il bloccarla sul telefono perché temo proverebbe a contattarmi e mi farebbe malissimo. Poi poco e nulla.

Ultimamente la vedevo più fredda. Pensavo fosse il fatto che avesse iniziato a lavorare e fosse stanca. Mi dice che dobbiamo parlare di noi e mi chiede di vederci con tranquillità per parlare. Trovo un attimo stamattina e me lo dice dopo due ore di tira e molla perché non sapeva come dirlo nemmeno lei. Una cosa definitiva e ragionata da tempo, con il senno di poi gli indizi c'erano.

Per la strada piano piano il colpo si è fatto sentire pesantemente. Mal di testa, senso di costrizione, dispnea, confusione. Mi cadono dei documenti dalla borsa, qualcuno mi richiama al telefono e torno indietro a prenderli cercando di nascondere il mio stato alterato.

Non è solo la perdita di una relazione, sono i cocci che mi ritrovo in mano ad essere devastanti. Il mio essere una persona sola e taciturna, il non avere più nessuno accanto (i nostri amici erano fondamentalmente i suoi amici), le mie scarse prospettive per il futuro e il vuoto dentro. Subentrano poi i rimorsi, i sensi di colpa, la consapevolezza di essere stato rifiutato per il tuo essere. E subentra la rabbia per i sacrifici, per le occasioni che hai rifiutato con la prospettiva di una vita insieme. Perché a quasi 30 anni ti fai delle domande su quello che vuoi fare da grande oltre al tuo mestiere. Il doverlo spiegare ai tuoi genitori anziani, dopo che nemmeno una settimana fa hanno mangiato con i suoi di genitori. Mio padre che mormora vaffanculo, il colorito pallido di mia madre sul suo volto contrito. Il mio dover mettere a fatica una maschera di semi-indifferenza che è visibilmente incrinata.

In tutto questo avevo trovato un mezzo lavoro, roba di poco, un lavoro indegno, sacrificante e quasi umiliante preso solo per fare esperienza, probabilmente pagato malissimo e in un luogo sperduto e fuori porta. Ma ero contento, erano pochi soldi ma che sarebbero finiti nel conto che avevo aperto con la prospettiva di una vita insieme, qualche migliaia di euro di cui a lei non avevo detto nulla ma che meditavo di usare per il nostro futuro. Ma ero contento lo stesso, ero contento che comunque in questo pantano avevo trovato delle minime soddisfazioni.

Temo che tutto questo possa avere conseguenze a lungo termine sulla mia salute. Non sto bene.
Espandi tutte le immagini
>> Num. 25247 quick reply
Flusso spontaneo di un vecchio anon che bazzica solo questo chan, e raramente.

Ti direi che ti capisco ma non posso, non avendo mai avuto una relazione o qualcosa che possa solo somigliarci lontanamente.

Meglio aver amato e perso o non aver mai amato?
Neanche un mese fa, una notte sognai di dimostrare inconfutabilmente che è meglio la prima, e il ragionamento filava anche da sveglio, ma al momento non lo ricordo. Brutta cosa i principi di Alzheimer a 36 anni.

Ora non so se è causa o conseguenza della mancanza di una qualsivoglia relazione, ma l'unica esigenza per la quale vorrei una compagna è il sesso, nient'altro. Per me l'ideale sarebbe avere una con cui poter trombare quando ne ho voglia e senza pagare. Il lato negativo sarebbe dover stare a sentirla, doverla accompagnare in giro, le solite cose da coppia insomma. Ma per del sesso gratis credo che potrei sopravvivere a questa routine.

Tu perché la amavi? E lei perché ti amava? Suppongo che l'amore vero come quello che si vede nei film non abbia bisogno di motivi. Ma se vi siete lasciati vuol dire che non era amore vero, e quindi se stavate insieme ci sarà stato un perché.
Nel mio caso il motivo più importante per provare amore verso qualcuna è la bellezza. Non intendo bellezza in senso assoluto ma bellezza nell'occhio di chi guarda (il mio in questo caso). Non potrei mai amare una ragazza che considero brutta. Forse potrei farlo per soldi, ma devono essere proprio tanti soldi.
>> Num. 25248 SABBIA! quick reply
Intendiamoci mi dispiace per quello che ti è successo, ma mi vedo costretto a ribadire che questa è /bi/ e tu dopo 10 anni di relazione sei un normie o comunque non appartieni qui, son sicuro che ci saranno infiniti siti dove puoi sfogare la cosa e trovare consigli ben più esperti di quelli che potresti trovare su Niuchan.
>> Num. 25250 quick reply
File 150177545539.jpg - (53.14KB , 733x550 , 43554-image2b252812529_jpeg.jpg )
25250
Conosco gente che é all'università da più di 10 anni
>> Num. 25270 quick reply
>>25248
>tu dopo 10 anni di relazione sei un normie o comunque non appartieni qui

Io non sono un normie, l'aver avuto una relazione non ha trasformato mai quel ragazzino un po' solitario con pochi amici in un estroverso che instaura relazioni sociali, posta foto su instagram e parla di calcio. Nel corso degli anni mi sono sempre più chiuso in me stesso e ora ne sto pagando le conseguenze. Se non appartengo qui non lo so nemmeno io dove dovrei appartenere.
>> Num. 25271 quick reply
>>25270
L'altro anon, purtroppo, ha ragione
Se hai avuto anche una sola, minima RELAZIONE, allora non sei un vero anon. Scopare, quello è un altro conto, ma qua parliamo di 10 ANNI di una RELAZIONE. Mi sento di quotare ciò che dice
>son sicuro che ci saranno infiniti siti dove puoi sfogare la cosa e trovare consigli ben più esperti di quelli che potresti trovare su Niuchan.

Tutto questo con tutto il bene del mondo amico mio
>> Num. 25272 quick reply
Quanti anni avete?
>> Num. 25273 quick reply
Caro OP, è una fottuta moria.

Un sacco di mia amici stanno venendo lasciati dalle ragazze dopo anni di relazione. E non sono mica persone sfigate, anzi tutti hanno almeno una carriera o un lavoro stabile, c'è anche chi è ricco, alto, particolarmente bello. Tutti sono socievoli.

Eppure le donne non si accontentano. Pure che stanno invecchiando 25, 28, 30 anni, non si rassegnano e vanno a lasciare i ragazzi e cercarsi altri.

Secondo me c'è qualche fenomeno di propaganda giudea in atto, unito ovviamente al mix di social network e altri fenomeni degli ultimi anni, che sta destabilizzando la mente femminile.

Non è normale vedere una simile moria di relazioni lunghe e stabili, proprio quest'anno, proprio in questo periodo.

C'è qualcosa che non va. E tu ne sei la vittima.
>> Num. 25274 quick reply
>>25272
Fascia 25-30, bene o male a metà.

>>25273
Due mesi fa in effetti una coppia che conoscevamo ha divorziato. Erano sposati da meno di due anni. Casa, lavoro stabile, passioni, tutto perfetto all'esterno. L'ultima volta si scherzava su bambini e battesimi.
Potresti anche avere ragione anon. Io nel dubbio comunque piango lo stesso la notte, non si sa mai. Almeno dormo dopo.
>> Num. 25275 quick reply
>>25273
>mix di social network

L'erba del vicino é davvero più verde?
>> Num. 25276 quick reply
>>25275
Nel senso che le femmine, che non sono certo note per la loro intelligenza, a causa dei social network subiscono due fenomeni:

1. Vengono ricoperte d'attenzioni, come mai prima d'ora nella storia dell'umanità. Tutte queste botte di dopamina fottono loro il cervello e alza i loro standard ogni anno. Due-tre anni fa le donne miravano già al top 20% dei maschi, oggi mirano al top 10%. Presto mireranno solo al top 1%.

2. Vedono gli highlights della vita altrui. Se i maschi però si limitano a deprimersi e poi razionalizzano, le femmine si aspettano che la loro vita sia in quel modo e fanno minchiate.

>>25274
piangere e incazzarti è giusto. Bisognerebbe distruggere i social network per poter riportare la situazione anche solo ai livelli del 2010, che ancora era sostenibile.
>> Num. 25277 SALVIA! quick reply
>>25274
>Fascia 25-30, bene o male a metà.
L'avevo intuito. Allora è tutto nella norma. Adesso è il momento in cui lei cerca l'uomo con cui accasarsi. Tu eri il normale placeholder che le donne si fanno tra i 18 e i 30 anni. Una prova di relazione dopo quella finta dell'adolescenza e prima di quella seria (= con figli e progetti di vita in cui si mettono i soldi, qualsiasi altro tipo di relazione non è mai seria).

Stai tranquillo che non hai perso niente, fatti il tuo periodo depresso e bon. Tra 5-10 anni sarai il tipo che le tipe come la tua ex-gf cercheranno sfanculando il loro bf.
>> Num. 25278 quick reply
>>25277
Ho qualche amico con fidanzata sui 25-27 e questi amici stanno per uscire dalla fascia 18-29 tanto cara alle aziende. How fucked are they?

Non parlo di me perché sono già fucched da un paio d'anni e ho già la carta di apprendistato per la magia
>> Num. 25279 quick reply
  >>252779

>Tra 5-10 anni sarai il tipo che le tipe come la tua ex-gf cercheranno sfanculando il loro bf.

Qvesto.
>> Num. 25280 quick reply
Op, stessa situazione un anno fa, ancora ci sto male ma sta svanendo piano piano. La cosa terribile è stata dover mantenere la lucidità per non mandare a puttane lavoro e uni. L'unica cosa che posso dirti è comprendi cosa ti hanno insegnato questi dieci anni, cosa realmente ti manca di lei tolta tutta la chimica. La sensazione di non sapere chi sei ora è devastante ma normalissima. Fai ordine e cerca di vedere le cose da un punto di vista differente Fai una lista di cose che non avresti mai potuto fare con lei e FALLE TUTTE.
>> Num. 25281 quick reply
>>25280
>La cosa terribile è stata dover mantenere la lucidità per non mandare a puttane lavoro e uni.

Fortunatamente sono già laureato, altrimenti avrei perso anni di sicuro. Per quanto riguarda il lavoro, ho accettato quella piccola proposta di cui parlavo in OP ed è veramente difficile non farsi prendere dallo sconforto. Ieri mi sono ritrovato una ventina di minuti completamente da solo e stavo partendo a piangere di nuovo. Prima avevo avuto dei problemi tecnici e mi sono sentito mortificato come non mai sebbene non fosse colpa mia ma di chi doveva impostarmi le cose. Non so se tutto questo valga quelle merdose venti euro lorde l'ora.

Peggio ancora il non poter fare più certe cose che sono irrimediabilmente associate a lei, anche le cose più stupide diventano problematiche. Ho problemi anche se devo aprire la galleria del telefonino o i cassetti nei quali tenevo il quadernino con le poesie che mi aveva regalato proprio durante i primi mesi. So di dovermi liberare di queste cose alla svelta, ma non ce la faccio ad aprire il cassetto. Temo che se lo aprissi ora in questo momento dopo non reggerei la botta.

Per quanto riguarda il futuro ho scommesso sulla buona riuscita di un certo concorso che dovrebbe uscire da qui a breve e potenzialmente mi farebbe cambiare completamente aria. Prima le avevo detto avrei impostato le mie scelte per stare insieme a lei, ora sto meditando di andare il più lontano possibile da lei o comunque da qui. Probabilmente mi aiuterebbe a ricominciare se non altro.
>> Num. 25282 quick reply
>>25281
Ci sarà sempre qualcosa che ti ricorda lei o i momenti insieme a lei. Diminuirà col tempo e solo con quello. Io ho da subito cancellato tutti i messaggi e bloccato tutto, ci sono voluti mesi per le mail, le foto sono raccolte in una cartella su un hd che non apro mai. Quando credevo di aver eliminato tutto dopo sette mesi ritrovo una foto nel portafogli e una pugnalata avrebbe fatto meno male.
Poi i sogni, poi la gente che ti chiede di lei e tantissime altre cose che ti sembrerà di camminare sui vetri.

Una cosa che ho fatto per un po' a cadenza regolare è stato scrivere lettere a lei che non ho mai spedito. Un po' ha aiutato.
>> Num. 25283 quick reply
>>25282
l'unica vera soluzione è trovarsi altre tipe da scopare. Un po' di malinconia resterà sempre, per carità, io ancora sento la mancanza della ragazza che ho amato e dovuto lasciare 7 anni fa. Però altre femmine aiutano. Magari pure travestirsi da donna e farsi scopare il culo da un maschietto. Insomma perché limitarsi, la nostra società offre dei modi per lenire il dolore.
>> Num. 25284 quick reply
File 150222110151.png - (44.43KB , 352x418 , stronger than the feels.png )
25284
Alcuni di voi hanno perso la fidanzata e il lavoro, qua il cancro é tornato e la disoccupazione non se n'é mai andata.

A volte non si può vincere, no. Ma questo non ha niente a che vedere con la perdita.

Cosa rimane da fare adesso?
Fermarsi, o andare avanti?
Cadere e rimanere a terra, o cadere e rialzarsi?

Quando arrivano i grossi problemi e guai ancora più grossi dobbiamo guardarci attorno e vedere qualcosa per cui essere grati.
E quando arriveranno, saremo pronti ad affrontarli?
>> Num. 25285 quick reply
>>25284
>E quando arriveranno, saremo pronti ad affrontarli?

Spoiler: No.

Anon ha già perso in partenza. Salvo miracoli, equivalenti alla vincita al superenalotto e vincita al superenalotto compresa, persone come anon sono condannate a fare una vita di merda, senza soddisfazioni, sempre sul baratro della disperazione.

Se non sei il tipo che gioca al superenalotto, perché tanto sa che è inutile sprecare soldi in questa attività date le possibilità di vincita, allora è razionale non impegnarsi cercando di ottenere la decenza, perché è appunto l'equivalente di affaticarsi per nulla.

Meglio rassegnarsi al poco che si ha, goderselo, e basta.
>> Num. 25286 quick reply
Op secondo me la tua relazione e' stata abbastanza normale nella sua conclusione.

Eri connesso con questa donna, oppure era una cosa come per dire "ci sto perché' oppure starei solo?"

Io ho una relazione da tanti anni con una persona, che tuttavia non penso sia una relazione perfetta anzi...
Penso che nella maggior parte dei casi sia una relazione noiosa. Tanto che tante volte mi sono chiesto se fosse veramente il caso di continuare. Tuttavia, da quello che vedo, non ci sono relazioni perfette. Le relazioni sono un po' una sorta di punizione che ci autoinfliggiamo in quanto esseri umani. Quando non siamo soli stiamo male, quando siamo con qualcuno siamo annoiati. E' un circolo a cui non possiamo sfuggire, tra noia e malinconia.

E alla fine non penso che ci sia la relazione perfetta o una relazione che dura da tanti anni e che riesce a sfuggire alla noia.

Lo vedo ovunque. La relazione dei miei genitori che e' veramente una cosa atroce ma che ormai non puo' piu' essere interrotta, perché' i miei sono cosi' dipendenti l'uno dall'altro che non possono separarsi. Mio padre sarebbe devastato dal rimorso e mia madre non saprebbe proprio come vivere.

Tante persone che divorziano o si separano. Persone che sembravano felici. Piu' di me. E alla fine penso che quello che fa funzionare la relazione piu' che l'alchemia o l'amore, sia l'ostinazione di due persone ad andare avanti nonostante la noia e la merda che la vita ci tira in faccia.

Lo so che non ho una relazione perfetta, ma so che potrebbe esserci di peggio e tra il mare di noia c'e' qualcosa di buono. A dire il vero anche piu' di qualcosa di buono, visto che senza questa relazione non avrei avuto mia figlia, che si, e' un chiodo nel culo il 99% del tempo, ma a cui basta un sorriso per far dimenticare tutto.

Io ho un solo rimpianto, che e' una ragazza delle superiori a cui qualche volta penso ancora e con cui avrei dovuto insistere molto di piu' di quello che avevo fatto. E probabilmente non sarebbe durata, come puo' durare tra due ragazzini? Ma in un certo senso ancora sento che lei era la ragazza della vita.
>> Num. 25287 quick reply
>>25286
>Eri connesso con questa donna, oppure era una cosa come per dire "ci sto perché' oppure starei solo?"

No, ed è per questo che fa così male. Non ci stavo per solitudine, quella comunque c'è stata per buona parte della mia vita e prima di stare con lei ci ero abituato quasi. Lei mi piaceva veramente, ancora dopo tutti gli anni passati insieme, mi piaceva sia come persona che fisicamente. La gente mi diceva "eh, si, ma poi ci si abitua e ci si piace sempre di meno", ma con lei questo non mi era ancora successo. A me lei piaceva veramente, come il primo giorno se non di più. Era il mio metro di paragone per tutte le altre ragazze, non riuscivo a vederne una che reputassi pari a lei. La consideravo perfetta, sebbene magari non lo fosse. Non c'era alcuna abitudine da parte mia.
A Maggio ricordo di aver fatto un tirocinio pratico con un ragazzo che aveva 4 o 5 anni più di me al massimo. Oltre ad insegnarmi un sacco di cose ricordo che un giorno si aprì con me confidandomi che si era appena lasciato con quella che era la donna della sua vita, con cui stava da quasi 5 anni. Io ricordo di aver pensato a quanto fossi fortunato io ad avere lei, ero tranquillo in fondo.

>Lo vedo ovunque. La relazione dei miei genitori che e' veramente una cosa atroce ma che ormai non puo' piu' essere interrotta, perché' i miei sono cosi' dipendenti l'uno dall'altro che non possono separarsi. Mio padre sarebbe devastato dal rimorso e mia madre non saprebbe proprio come vivere.

I miei sono praticamente nella fascia senile. La loro relazione è quella che mi aspetterei da due persone anziane che hanno passato la vita insieme e che si ritrovano a convivere con i problemi della vecchiaia insieme. Magari non c'è più la scintilla, magari litigano o alle volte si mandano a quel paese, ma si vogliono bene. Hanno fatto una vita di sacrifici per permettere a me e a mio fratello di vivere la vita più agiata possibile e di avere le migliori prospettive per il futuro.
Con lei aspiravo a quello. Condividere quel genere di vita. Non volevo niente di più complesso.

>Io ho un solo rimpianto, che e' una ragazza delle superiori a cui qualche volta penso ancora e con cui avrei dovuto insistere molto di piu' di quello che avevo fatto. E probabilmente non sarebbe durata, come puo' durare tra due ragazzini?

Cosa divertente, lei era quella ragazzina per me. La nostra storia è cominciata alle superiori, dopo mesi e mesi di tentennamenti, quando entrambi eravamo molto più giovani. Io inizialmente ero cosciente del fatto che non sarebbe andata avanti, anzi, ci scommettevo apertamente contro. Quanto dura dura, è una storia adolescenziale, se non va amen, forse ne trovo un'altra. Ma poi vedi che dura un anno, due anni, dura per tutta l'università, dura durante il post-università, inizi a parlare di matrimonio ("Quando ti fai la cresima che se no non ci possiamo sposare?" "Quando trovo un prete che per 50 euro mi fa i documenti"), di bambini ("Tu sai che puoi avere dei gemelli, vero" "Si ma il canale del parto è quello tuo tanto"), di futuro e casa. Ci avevo creduto, colpa mia.
>> Num. 25288 quick reply
>>25287
Non saprei che dirti. Forse era lei quella annoiata. O magari vedeva un altro o aveva già una relazione clandestina e to ha detto una bugia bianca per non infierire troppo. Per me le relazioni a una certa età diventano più razionali che nella adolescenza, quando si rompono ci sono motivi precisi più che sentimentali. Le donne queste cose sono brave a nasconderle fino all'ultimo e sicuramente lo sai bene.

Però scavare potrebbe essere male. Quello che posso dirti è che in un certo senso ti sei riappropriato della vita, facci quello che vuoi. Magari cercare un nuovo lavoro o andare via, andare all'estero.

Le cose succedono.
>> Num. 25291 quick reply
>>25288
Questa cosa che gli è successa non é successa a lui, ma per lui
>> Num. 25292 quick reply
OP è finito il tuo turno con lei e basta. ha trovato un altro che se la scopava, anche da prima che notassi un suo cambio di atteggiamento. considera che poteva andare peggio, poteva sposarti, farsi ingravidare (non da te) e divorziare portandosi via metà dei tuoi averi e farti pagare anche per suo figlio.

e comunque no, mi dispiace, non sei anon. non puoi stare con una donna 10 anni ed essere anon
>> Num. 25296 quick reply
Brofist fratello, per me è finita una storia di 6 anni il mese scorso, avevo già in mente l'occasione per farle la proposta, durante un viaggio fuori europa. Saltato tutto, saltato il viaggio, saltata la vita insieme, ora sono solo e devo per forza andare avanti altrimenti perdo anche il lavoro. Ma credo che rimarrò solo. Meno male che non avevo ancora comprato l'anello.
>> Num. 25307 quick reply
La tua era una storia nata alle superiori OP, è già buono che sia durata così tanto.
Probabilmente lei si è accorta del tempo che stava passando e delle occasioni perse che non sarebbero mai più tornate. Essendo stata legata a te dai 16-17 anni, si è persa (e vale anche pe te) la libertà che tanti hanno intorno ai 20 anni, quando si è all'università, le responsabilità sono ancora poche e le relazioni molto volatili.

Con il tempo, se si è vissuta quella fase di leggerezza, la si metabolizza rendendosi conto che ci sono altre cose più importanti, che donano molta più soddisfazioni e che sono possibili solo in una fase più adulta della vita. Spesso è la famiglia o il lavoro, ma rimane sempre un discorso soggettivo.
Se invece a vent'anni si è stati legati ad un altra persona, specialmente introversa, calma, meno propensa a vivere le classiche frivolezze, allora poi spesso si genera quel risentimento che ti fa rimpiangere la tua gioventù ormai passata.

E quando c'è rimpianto, o ci si rassegna vivendo poi per tutta la vita con il rimorso, oppure si tenta all'ultimo di vivere ciò che si è perso.
Quest'ultimo è il caso della tua ragazza (e di tante altre), o di quei quarantenni e oltre che tentano di vivere come ragazzini.

Se anche tu senti di esserti perso qualche esperienza in questi dieci anni, allora prova a viverla.
Se invece sei uno a cui quel genere di vita non è mai interessato, allora concentrati su quello che ti rende soddisfatto in questo momento (mi viene in mente quell'opportunità lavorativa di cui parlavi, ad esempio).

Altro suggerimento: mai e poi mai confrontare la tua vita con quella degli altri. Ciò che viene detto quasi mai rispecchia i veri sentimenti. Anche io ci sono cascato, ma fortunatamente mi sono reso conto che la facciata delle persone quasi sempre cela insoddisfazione in qualcosa e che alla fine le vite di tutti hanno alti e bassi, per quanto ci si sforzi sempre di apparire perfetti.
>> Num. 25311 quick reply
Questa mattina mia madre mi ha rivelato che c'è stato un incontro con i suoi genitori mentre io ero a morire ammazzato dentro uno stanzino al buio in un paese dell'entroterra. Per farla breve sua madre è dispiaciutissima per me e indiavolata con la figlia per la situazione che ha creato. Ci sono state le solite cose di circostanza, pianti, scuse, "anon per noi è sempre stato un figlio" eccetera. Volevano riportare indietro le cose associate alla nostra relazione, regali e tutto quanto, mia madre almeno ha fatto bene a rifiutare quella robaccia. "Tutto questo è per punire nostra figlia". Sua figlia probabilmente se ne fotte o al massimo """soffre""" perché papi e mami sono incazzati come serpenti. Lei è libera adesso.

Ieri ho pulito la galleria del telefono. Non ce l'ho fatta con quella nel cloud, mi sono limitato ad archiviare tutte le foto dove lei appare, comprese quelle della laurea e quelle di gruppo. In archivio almeno le ho lontane dalla vista, saranno sempre li fino a quando avrò la volontà di distruggerle definitivamente. Rivederle mi ha fatto malissimo, soprattutto tutte nel giro di un paio minuti. Erano momenti di poco conto e indegni di un memento fotografico, la giornata al mare lo scorso ferragosto, qualche serata in pizzeria, qualcuna a casa sua sotto il plaid a guardare film pessimi, ma sono state pugnalate una dopo l'altra.
Per il resto la vita continua. Ho tagliato la barba e sto pensando di tagliare i capelli. Cambiare tanto per cambiare, perché li ho sempre portati lunghi.

Continuo con questo lavoretto che almeno mi sta insegnando delle cose prettamente pratiche/burocratiche che in una università non avrei mai imparato e sto meditando su cosa fare dopo. Dopo i primi giorni in cui ho combinato qualche cazzata ora le cose stanno migliorando un pochino.

>>25296
Io sono stato più stupido, a 7 anni circa le avevo regalato un anello di fidanzamento. Ripeto, 7 anni, tra poco si finiva con l'università.

>>25307
Grazie dei consigli anon, sto leggendo i post di tutti e sto cercando di trarne il meglio se non altro per voltare pagina.
Quello che dici è vero, io sono la persona che descrivi.
Personalmente sto maturando l'idea che il problema sia stato più il fatto che lei abbia iniziato a lavorare un 6 mesi prima di me e che abbia avuto la fortuna di entrare da subito in un giro abbastanza "prestigioso", mentre io ancora ero fondamentalmente a nulla. Se dovessi dare la colpa a qualcosa la darei a questo, il fatto che da un lato avesse una vita e dall'altra vedesse me. Ormai comunque va oltre il punto, anche se sapessi il motivo le cose non cambierebbero a questo punto.
>> Num. 25335 quick reply
>>25311
>che abbia avuto la fortuna di entrare da subito in un giro abbastanza "prestigioso"
E ti chiedi ancora il perché ti abbia lasciato diosanto? Ha addocchiato uno "migliore" di te nel giro nuovo e tu sei diventato un peso, ne più ne meno e tutto secondo la vecchia regola della scimmia che non molla un ramo finché non ha trovato quello nuovo.
Comunque mi chiedo come facciate a sopportare le donne ed i loro assurdi comportamenti, le loro pretese folli, l'incapacità patologica di eseguire un ragionamento razionale o peggio ancora di sostenere una discussione in cui TUTTE, anche le più "intelligenti" se messe all'angolo dai fatti, inizieranno a giocare le carte più becere dal maschilismo al cazzo piccolo al "sei infantile" alle sindromi di persecuzione.
Ovviamente mago di terzo livello qui e maledico ogni giorno il fatto di essere eterosessuale e provare attrazione per quel coacervo di merda e psicosi che sono le donne, se non altro ora riesco a tenerle lontane volontariamente prima di subire l'umiliazione di venire scartato. Sì quando mi capita di venire presentato metto subito in chiaro che per me la loro opinione, nome e loro stesse valgono meno di zero e che possono anche risparmiarsi la fatica di costringermi ad ascoltare il prodotto delle loro menti inferiori. Sì lo so che sono il mastro di spigoli ma non me ne fotte un cazzo e la cosa stranamente non ha rovinato la mia "vita" sociale, semplicemente davvero non perdo più tempo con quelle persone inutili che sono le donne. E lo sapete anche voi che se non avessero la fica sarebbe così.
>> Num. 25336 quick reply
>>25335
Le checche sono molto peggio delle donne. L'argomento di cosa hai tra le gambe secondo me regge poco. E forse tu dovresti scopare
>> Num. 25337 quick reply
>>25335
> i loro assurdi comportamenti, le loro pretese folli, l'incapacità patologica di eseguire un ragionamento razionale o peggio ancora di sostenere una discussione in cui TUTTE, anche le più "intelligenti" se messe all'angolo dai fatti, inizieranno a giocare le carte più becere dal maschilismo al cazzo piccolo al "sei infantile" alle sindromi di persecuzione.
E poi vieni sui chan?
>> Num. 25338 SALVIA! quick reply
>>25336

>tu dovresti scopare

In 30 fottuti anni non è stato in grado di riuscirci nemmeno una volta e tu vuoi che lo faccia adesso?

MA DAIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIII.
>> Num. 25339 quick reply
>>25336
Ma infatti le checche non avendo la figa tra le gambe hanno dovuto mettere in piedi il circo dei gaypride e dell'ommofobbiah, che se da un lato è vero che c'è gente che li massacra per il fatto di essere froci e non è giusto, dall'altro la maggior parte delle discriminazioni che millantano sono tutte nelle loro teste e frutto di un ristrettissimo gruppo di utili idioti che fa il loro gioco.
>>25337
A parte quelli come te che campano di fallacie come appunto la tua risposta c'è anche modo di parlare e di avere prove e fatti concreti, non solo opinioni senza valore che invece è ciò che fanno le donne.
>>25338
Ammetto di aver usato il termine "mago" impropriamente, per sborrare ho sborrato e perfino un paio di quelle che ho accolto con una badilata di misoginia me l'hanno data, anzi probabilmente mi si sono volute scopare esclusivamente per quello.
No non sono belfaccino ed anzi pesco a strascico nei fondali più deprimenti ma ogni tanto sburro anch'io.
>> Num. 25340 quick reply
>>25339

>No non sono belfaccino

Questo è tutto da vedere.
>> Num. 25341 quick reply
>>25340
Se non ho mai avuto una relazione, nessuna si è mai interessata a me da sobria e l'unica opzione che ho per sborrare tolto il pay è andare a rimorchiare tizie dal mezzo cesso a scendere e pure ubriache marce perché altrimenti non mi cagano neanche i cessi sbeccati direi che il belfaccino non ce l'ho proprio.

Ma OP invece, news?
>> Num. 25342 quick reply
>>25341
Sono qui, sopravvivo. No, nulla di nuovo, è una cosa finita e non c'è molto altro da aggiungere. Io non l'ho cercata, lei non ha cercato me (anche perché ho preferito bloccarla subito).
Mi hanno riferito che lei nega apertamente di avere un altro, qualunque sia la verità non mi interessa nemmeno così tanto, non cambierebbe la mia situazione.

Non ho più aggiornato qui perché non mi va di ammorbare altra gente con i miei guai, sia su internet che a casa. I miei genitori vanno verso la vecchiaia, loro non è giusto che si preoccupino per me. Cerco di fare qualche battuta, racconto qualcosa di divertente dal lavoro e basta. C'è una remotissima possibilità (praticamente infinitesimale) che riesca a concludere qualcosa per un lavoro serio fuori da qui. Secondo me non è una cosa fattibile perché credo cerchino candidati con ben oltre le mie competenze, la persona con cui ho parlato però sembrava molto sicura del fatto suo. Vedremo, non mi costa nulla ma personalmente non mi fido troppo né ci sto facendo affidamento.
Per il resto sto cercando di tenermi impegnato. Lavoro (adesso che ci ho preso la mano va un pochino meglio), studio per i concorsi, leggo qualcosa. Ogni tanto ho qualche momento di sconforto ma passa. Sono un po' preoccupato per il peso, è sceso ulteriormente e non vuole salire nonostante abbia mangiato due volte al ristorante settimana scorsa.

Grazie a tutti per i consigli comunque.
>> Num. 25343 quick reply
>>25342
>un lavoro serio fuori da qui

Ma cosa si intente per "lavoro serio"?
>> Num. 25345 quick reply
>>25343
Un lavoro con cui puoi avere una casa e toglierti qualche sfizio ogni anno? Non sono OP.
>> Num. 25346 quick reply
>>25343
Quello che dice >>25345. Non è una cosa che voglio fare per tutta la vita, ecco. La paga è discreta, ma è di fatto un part time glorificato.
>> Num. 25348 quick reply
>>25345
Credo che il tipico lavoro da 1200€ al mese non basti per quelle cose
>> Num. 25364 quick reply
>>25248
>>25271
Ma che cazzo dite? /bi/ è sempre stato uno spazio serio e aperto, perché dobbiamo escludere qualcuno etichettandolo e abbassandoci ai livelli di ambienti tossici ed adolescenziali come /r9k/ e wizardchan?
Lasciamo almeno questa board tollerante e aperta al dialogo, altrimenti non ne vedo l'utilità.
Culo
>> Num. 25365 SABBIA! quick reply
>>25364
Ma quale minchia di dialogo vuoi ricevere
L'hai letto l'OP?


Cancella post []
Password  
Segnala post
Motivo